Spettacolo 15 Novembre Nov 2016 0900 15 novembre 2016

Il ritorno dei Litfiba: la nostra "Eutòpia" fra rabbia e speranza - La notizia

Un nuovo disco di inediti e 4 date live a marzo

  • ...

Milano (askanews) - Un disco di rabbia e speranza, in cui irrompe con forza il presente. I Litfiba tornano dopo 4 anni con un nuovo album di inediti 'Eutòpia', 10 brani, più due strumentali nella versione in vinile, che parlano della rabbia per un mondo 'pieno di insidie' e della speranza per un futuro 'pieno di possibilità giuste per tutti', dice Piero Pelù. 'Eutòpia è l'isola che c'è, per chi crede e non si arrende mai e quindi c'è un po' racchiuso il succo della canzone e dell'album omonimo è un progetto che esiste, non un'utopia, l'utopia di Tommaso Moro parlava di un'isola che non esisteva e invece noi parliamo di quello che realmente già esiste, le democrazie scandinave, Pepe Mujica in Uruguay'.L'album è radicato nel presente con canzoni come 'In nome di Dio', ispirato alla tragedia del Bataclan, il singolo 'L'impossibile', una 'lettera ai potenti della Terra, padroni della banche e della guerra' recita il testo. Tutto raccontato attraverso le sonorità rock che hanno fatto la storia dei Litfiba, e risuonano in canzoni nate nel più tradizionale dei modi: voce e chitarra acustica, spiega Ghigo Renzulli. 'Noi abbiamo deciso di comporre così, in maniera semplice e istintiva con un occhio di riguardo all'armonia del brano e siamo molto soddisfatti di questo modo di lavorare'.I Litfiba si preparano anche a tornare live, con 4 date: il 29 marzo a Padova, il 31 a Milano, il 5 aprile a Roma e il 7 nella loro Firenze.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati