Cultura 15 Novembre Nov 2016 0900 15 novembre 2016

Roma omaggia Arnoldo Foà, una mostra al Teatro di Villa Torlonia - La notizia

A 100 anni dalla nascita, la carriera, la vita privata e l'Italia

  • ...

Roma, (askanews) - Roma rende omaggio a Arnoldo Foà a 100 anni dalla nascita, con una mostra al Teatro di Villa Torlonia, 'Arnoldo Foà. Una vita lunga un secolo', fino al 30 dicembre, promossa e sostenuta da Roma Capitale - assessorato alla Crescita culturale, Dipartimento Attività Culturali -Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, con il patrocinio del ministero dei Beni e delle Attività Culturali e il contributo della Regione Lazio.Un viaggio nella storia dell'attore, regista e autore, un artista poliedrico, che ha lavorato per Orson Welles, Ettore Scola, tra i tanti, insieme a quella dell'Italia nell'ultimo secolo. Foà ha in un certo senso raccontato il Paese dagli anni '30 al 2014, anno della sua scomparsa. Un percorso di suoni, foto, filmati e oggetti personali per ripercorrerne la carriera, dagli inizi agli ultimi spettacoli e svelarne anche il lato intimo e privato. Per la prima volta viene resa pubblica parte della sua produzione d'arte visiva.La moglie di Foà, Anna Procaccini. 'Una mostra che racchiude la sua anima, la dedizione, la passione, il talento per il teatro, per l'arte, e allo stesso tempo la leggerezza, l'ironia, l'eclettismo e la curiosità'.'E' stato un uomo di straordinaria umanità e curiosità intellettuale, la sua cifra era una continua ricerca intellettuale e culturale, per il teatro, per dare agli altri ma anche per se', fino all'ultimo a 98 anni la sua curiosità non si è mai fermata'.Lidia Ravera, assessora alla Cultura della Regione Lazio: 'Il teatro di Villa Torlonia è un decoro ideale per una persona che al teatro ha dedicato la sua vita e non poteva essercene uno migliore, così piccolo, pregiato e prezioso, uno posto ideale e che andrebbe usato di più, ideale per una piccola mostra e per un grande artista'.All'inaugurazione c'erano personalità del mondo dello spettacolo e amici dell'attore, come Renzo Arbore, suo fan da quando aveva 14 anni: 'Aveva un senso dell'umorismo straordinario, oltre a essere una grande voce e un grande attore di teatro e una grande persona, aveva una personalità mai meschina, come invece qualcuno del teatro, lui era modesto e generoso con tutti i colleghi'.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso