Gen
16 Dicembre Dic 2016 1133 16 dicembre 2016

BAT Italia ancora in campo nella lotta al contrabbando

British American Tobacco Italia dona altre sei vetture al Comando Provinciale della GdF di Napoli.

  • ...

Si è svolta ieri, mercoledì 15 dicembre, a Roma, la consegna ufficiale di sei autovetture a favore del Comando Provinciale della GdF di Napoli, finalizzata a rafforzare il controllo ed il contrasto di attività di contrabbando e contraffazione dei prodotti del tabacco. Si tratta di un contributo importante che va ad aggiungersi a quello già erogato lo scorso anno, quando BAT donò i primi sei veicoli.
La collaborazione tra BAT e Guardia di Finanza di Napoli è stata suggellata il 17 dicembre 2015, grazie ad uno specifico protocollo d’intensa per la collaborazione finalizzata alla lotta contro il commercio illecito di sigarette.

La cerimonia di consegna. L’incontro ufficiale per la consegna delle sei autovetture ha avuto luogo ieri, presso la sede romana di BAT Italia, in presenza del Presidente e AD di British American Tobacco Italia, Andrea Conzonato e del Comandante Provinciale della Guardia di Finanza di Napoli, il Gen. B. Gianluigi D’Alfonso.
«La nostra azienda è sempre stata in prima linea – ha affermato Andrea Conzonato,– al fianco delle Istituzioni, nella lotta al contrabbando e alla contraffazione dei prodotti del tabacco. Siamo impegnati, da diversi anni e su diversi fronti, a sostenere con azioni concrete gli sforzi delle Autorità nel fronteggiare questi fenomeni. Prima di tutto, attraverso la cooperazione con i Governi, con le Forze dell’ordine e con le organizzazioni Internazionali, come INTERPOL e OLAF. La consegna degli autoveicoli che abbiamo donato oggi alla GDF di Napoli – ha concluso Conzonato – è per BAT un ulteriore e concreto passo in avanti nella lotta a questi fenomeni criminosi che rappresentano una reale minaccia per tutto il Paese, sia in termini di mancati introiti per l’erario sia per il danno che arrecano alla società».

In tale occasione, il Gen. D’Alfonso, parlando dell’intensificazione dell’attività di contrasto al contrabbando e contraffazione del tabacco da parte della Guardia di Finanza di Napoli, ha sottolineato: «I significativi risultati conseguiti negli ultimi mesi sono la conseguenza di un dispositivo “integrato” fatto da presidi di vigilanza presso porti e aeroporti e da indagini coordinate dalla locale Procura della Repubblica, che mirano ad individuare le organizzazioni che in Italia e all’estero gestiscono i traffici illeciti e a sottoporre a sequestro i profitti conseguiti dalle stesse organizzazioni».

Gen. B. D'Alfonso, Comandante Provinciale della Guardia di Finanza di Napoli e Andrea Conzonato, Presidente e Amministratore delegato di British American Tobacco Italia.

Il Protocollo d’intesa BAT e GdF Napoli. Attraverso il Protocollo d’Intesa, firmato nel dicembre 2015, BAT Italia si è impegnata a collaborare, al fianco della Guardia di Finanza di Napoli, nella lotta al contrabbando e alla contraffazione delle sigarette, grazie ad un costante scambio di dati, ad una serie di interventi formativi e ad altre azioni di sostegno. Protezione della salute pubblica, tutela del gettito fiscale e garanzia della legalità sono stati i valori che hanno ispirato questo protocollo d’intesa.
BAT Italia, infatti, è ben consapevole di come gli illeciti legati ai prodotti del tabacco costituiscano un’emergenza pubblica. Secondo recenti ricerche dell’industria, in Italia, nel 2015, il 6% delle sigarette consumate era di contrabbando, mentre il commercio illecito ha trafugato circa 800 milioni di Euro alle casse erariali. Un altro dato che dà l’idea delle dimensioni del fenomeno è quello che parla di 274 tonnellate di sigarette di contrabbando sequestrate nel 2015, di cui, circa il 29% è stato sequestrato dal Comando Provinciale della GdF di Napoli.
Per quanto concerne il 2016, secondo l’Empty Pack Survey 2016 (EPS), nel 3° trimestre si stima un -3% del fenomeno a livello nazionale, rispetto al trimestre precedente, anche se, purtroppo, si registrano picchi concentrati nelle città di Napoli, Giugliano, Bari, Taranto e Palermo.
BAT Italia British American Tobacco Italia S.p.A. (BAT Italia) nasce nel 2004 e fa parte del Gruppo multinazionale British American Tobacco che impiega oltre 50.000 persone in tutto il mondo.
In Italia, è presente con più di 20 brand, tra internazionali e nazionali. Nel 2016, BAT Italia ha ottenuto, per la quinta volta consecutiva, la certificazione “Top Employer Italia” e l’ancora più prestigiosa Top Employer Europe 2016.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati