Como
9 Dicembre Dic 2017 1141 09 dicembre 2017

A Como la marcia contro fascismo e intolleranza

Sul Lago sono arrivati comitati, associazioni, rappresentanti dei partiti e delle istituzioni. Il corteo antifascista è stato organizzato dopo il blitz degli skinheads contro il comitato pro migranti lariano. E Salvini lo attacca: "Vogliono l'immigrazione senza controllo"

  • ...

Una manifestazione per la libertà. Così è stata definita da più parti la marcia antifascista organizzata dal Pd a Como. Il raduno, dal titolo emblematico E questo è il fiore (citazione di Bella Ciao) è stato promosso dopo l'irruzione di un gruppo di skinheads in una riunione dell'associazione 'Como senza frontiere', a favore dell'accoglienza dei migranti. «In questa battaglia contro l'intolleranza e il fascismo dovrebbero essere uniti tutti gli italiani che tengono alla democrazia», ha spiegato il ministro Maurizio Martina, vicesegretario Pd arrivato nella cittadina lombarda per la manifestazione.

«10 MILA PERSONE IN PIAZZA». Per i dem al corteo hanno sfilato oltre 10mila persone. «Essere qui è un dovere di tutte le forze democratiche», ha dichiarato la presidente della Camera Boldrini. E il presidente del Senato Grasso ha commentato: «Contro i rigurgiti fascisti la miglior risposta è l'impegno per i valori della Costituzione». «Una giornata bellissima», ha sottolineato il segretario Pd Matteo Renzi.

SALVINI ATTACCA IL CORTEO ANTIFASCISTA. Mentre quello della Lega, Matteo Salvini, ha attaccato apertamente il corteo antifascista: «In piazza oggi con il Pd a Como c'è chi sostiene l'immigrazione fuori controllo, domani a Roma con noi in piazza Santi Apostoli ci sarà chi è per un'immigrazione controllata e per una maggiore attenzione per le priorità degli italiani». La risposta di Martina è arrivata a stretto giro: «Salvini al governo sarebbe un rischio serio per l'Italia, altro che la piazza di Como».

L'unico grande rammarico, per il ministro della Giustizia Andrea Orlando «è che non sono presenti tutte le forze politiche democratiche e che non tutti avvertono la necessità di una battaglia politica e culturale accanto ad un'azione di presidio della legalità».

IL M5S DISERTA LA MANIFESTAZIONE. E se a Como il centrosinistra si è presentato compatto, il Movimento 5 Stelle ha deciso di non aderire alla marcia. Ad annunciatlo a Rho è stato il leader dei pentastellati Luigi Di Maio. «Noi abbiamo sempre detto che il M5S è antifascista perché la Costituzione è antifascista. La manifestazione di Como è stata una strumentalizzazione da parte del Pd. Noi abbiamo già espresso la nostra condanna al blitz: non c'è bisogno di partecipare a quella manifestazione».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso