Soccorso Alpino 130623120618
TRAGEDIA
23 Giugno Giu 2013 1100 23 giugno 2013

Alpinisti italiani muoiono durante scalata

Sei uomini precipitano in due incidenti in Alto Adige.

  • ...

Tragedia della montagna a Solda, in provincia di Bolzano, dove durante due distinte scalate hanno perso la vita sei alpinisti. Le prime tre vittime, due di Parma e una di Novara, sono state trovate la mattina, le altre te dopo le 14. L'incidente mortale è successo il 23 giugno, sul Gran Zebrù (3.859 m), nel gruppo dell'Ortles, a quota 3.500 metri, in Alto Adige.
I primi tre, 45,55 e 22 anni, facevano parte di un gruppo di alpinisti, suddiviso in due cordate. Gli scalatori erano partiti alle 4 dal rifugio Pizzinini per raggiungere la vetta del Gran Zebrù.
LA DINAMICA. La salita sulla vetta era in corso con la comitiva suddivisa in due gruppi, quando i tre, legati in cordata, per cause ancora da chiarire sono precipitati. I loro corpi sono già stati recuperati dal Soccorso alpino della zona e trasportate alla camera mortuaria di Solda dove sono attesi i parenti.
La dinamica dell'incidente è ancora vaga. Come spiegano i Carabinieri, i tre procedevano legati. Molto probabilmente sono stati traditi dal cedimento del ghiaccio. Gli escursionisti sono precipitati insieme per 500 metri. I Carabinieri stanno indagando per stabilire l'esatta svolgimento dei fatti di una delle peggiore tragedie di quest'estate in Alto Adige.
ERANO A 3.500 METRI DI QUOTA. I tre alpinisti, hanno riferito dal soccorso alpino di Solda, prima di precipitare si trovavano a quota 3.500 metri, ma i soccorritori li hanno trovati a 3.000 metri, 500 metri più sotto. A dare l'allarme sono stati altri due compagni che erano con loro ma che facevano parte di una seconda cordata. I due, sotto choc, sono scesi al primo rifugio disponibile e l'allarme è scattato attorno alle 8.30.
Il record di morti in una sola giornata, per il Gran Zebrù, risale al 5 agosto 1997, quando a perdere la vita furono sette persone.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso