Corea 140630111817
TENSIONI 30 Giugno Giu 2014 1040 30 giugno 2014

Corea del Nord, Pyongyang a Seul: proposta «speciale» di pace

Volontà di aprire nuova fase tra i due Paesi e cessare ogni ostilità.

  • ...

Soldati della Corea del Sud.

Una proposta 'speciale' di pace, finalizzata a sbloccare le relazioni e condizionata alla fine degli «atti ostili militari» lungo il confine, incluso quello marittimo nel Mar Giallo. Prove di disgelo in Corea del Nord che ha inviato il messaggio ai vicini del Sud.
A illustrare il progetto è stato un funzionario di Pyongyang citato dall'agenzia ufficiale Kcna che ha riferito come la Commissione nazionale di Difesa, l'organo istituzionale più alto, ha inviato lunedì 30 giugno una «proposta speciale» alle autorità sudcoreane «con la decisa volontà di aprire una nuova fase di svolta nelle relazioni Nord Sud».
FERMARE OGNI ATTO OSTILE. La proposta è una chiamata «per dimostrare davanti a tutti i coreani e al mondo la coraggiosa decisione di cessare ogni atto ostile militare capace di guidare le relazioni Pyongyang-Seul sull'orlo di una guerra e di creare una atmosfera serena sul principio della riunificazione pacifica».
Le autorità sudcoreane, ha riportato ancora la Kcna, dovrebbero però «chiarire la loro vera e sincera posizione per garantire la pace fermando tutti gli atti ostili militari continui in tutte le zone lungo la linea di confine, comprese le acque nel mare Occidentale di Corea».
STOP A TUTTE LE CALUNNIE. L'offerta, inoltre, chiede la fine di «ogni tipo di calunnia e degli altri atti psicologici e di cospirazione», come le due parti hanno convenuto nei colloqui ad alto livello a febbraio.
L'iniziativa di Pyongyang segue alcune settimane di ripetuti 'attacchi' verbali contro la Corea del Sud per le sue attività di pattugliamento e le esercitazioni nel Mar Giallo, tra cui i lanci di artiglieria nelle acque contese, minacciando nel caso anche «devastanti» rappresaglie.
Se il Mar Giallo è stato teatro di sanguinosi scontri tra le due parti negli anni passati, il Mar del Giappone continua a essere il poligono di tiro preferito dalla Corea del Nord, come dimostrato dai due missili a corto raggio lanciati nella mattinata di domenica 29 giugno che hanno contribuito ad aumentare la tensione nella regione.

Correlati

Potresti esserti perso