Benyamin Netanyahu 140409111256
REAZIONI 30 Giugno Giu 2014 2230 30 giugno 2014

Israeliani rapiti e uccisi, Netanyahu: «Hamas la pagherà»

Il premier: «Colpiremo senza pietà». La replica: «Sarà l'inferno».

  • ...

Il premier israeliano Benyamin Netanyahu.

Durissime le reazioni governo israeliano al ritrovamento dei cadaveri dei tre giovani ebrei rapiti, a Hebron in Cisiordania.
Di fronte alla notizia Israele ha confermato la sua accusa ad Hamas che, ha detto il premier Benyamin Netanyahu, «la pagherà». «Sono stati rapiti ed uccisi a sangue freddo da belve umane. Hamas è responsabile».
IL VICEMINISTRO DELLA DIFESA: «DARE COLPO MORTALE AD HAMAS». Il viceministro alla Difesa Danu Danon ha rincarato: «La fine tragica dei tre ragazzi deve essere anche la fine di Hamas. È necessaria una operazione che dia a Hamas un colpo mortale. Dobbiamo sradicare il terrorismo, demolire le abitazioni degli assassini, distruggere i loro depositi di armi, bloccare i finanziamenti».
Anche il ministro dell'edilizia Uri Ariel, esponente di spicco della destra radicale israeliana, chiede di «colpire i terroristi senza pietà. Dall'altro canto bisogna dare una risposta sionista». Sui siti di destra dei coloni sono apparsi subito dopo la notizia di minacce di vendetta per l'uccisione dei tre ragazzi.
HAMAS: «OGNI OFFENSIVA DI TEL AVIV APRIRÀ L'INFERNO». Immediata la reazione del movimento islamico: «Ogni offensiva di Israele aprirà le porte dell'inferno», ha dichiarato il portavoce di Hamas a Gaza, mettendo nuovamente in dubbio la versione israeliano del rapimento.

Correlati

Potresti esserti perso