Donetsk 140528103636
VIOLENZA 30 Giugno Giu 2014 0730 30 giugno 2014

Ucraina, giornalista russo ucciso nell'Est

Stava lavorando a un reportage con dei separatisti vicino a Donetsk.

  • ...

Un posto di blocco dei separatisti filorussi vicino all'aeroporto di Donetsk.

Un giornalista della principale rete tivù pubblica russa è rimasto ucciso da proiettili nell'Est dell'Ucraina, dove stava lavorando a un reportage con dei separatisti filorussi nelle vicinanze di un'unità militare ucraina, nei pressi di Donetsk. Lo ha reso noto la stessa emittente, Perviy Kanal.
COLPITO AL VENTRE. Anatoli Klian, 68 anni, che da 40 anni lavorava per la tivù russa e aveva compiuto diverse missioni pericolose, insieme con un gruppo di giornalisti stava seguendo a bordo di un pullman i filorussi dell'autoproclamata Repubblica di Donetsk che si accingevano a incontrare le madri di alcuni soldati che erano venute a supplicare che i loro figli potessero lasciare la zona. «Una volta sul posto, sono partiti dei tiri da parte dei militari e Anatoli Klian è stato colpito a morte al ventre», ha riferito la tivù. L'autista del pullman è rimasto ferito.
APERTA UN'INCHIESTA. Il Comitato investigativo russo ha aperto un'inchiesta sull'omicidio, ha fatto sapere il portavoce Vladimir Markin, sostenendo che «l'impiegato della tivù russa è caduto vittima delle autorità ucraine, che ignorano palesemente le norme universali per la protezione della popolazione civile in un conflitto militare».

Articoli Correlati

Potresti esserti perso