Yara Gambirasio Massimo 140616194246
GIALLO 1 Luglio Lug 2014 2000 01 luglio 2014

Omicidio Yara, esami dei Ris su auto e furgone di Bossetti

Analisi sui due veicoli usati dal presunto assassino di Yara.

  • ...

Massimo Giuseppe Bossetti, il presunto assassino di Yara Gambirasio.

La Volvo V40 e l'Iveco Daily di Massimo Bossetti sono al vaglio dei carabinieri del Ris di Parma: il primo luglio sono iniziate le analisi sui due veicoli usati dal presunto assassino di Yara Gambirasio. L'auto e il furgone cassonato utilizzati dal muratore erano stati posti sotto sequestro dai carabinieri subito dopo l'arresto di Bossetti.
ACCERTAMENTI NON RIPETIBILI. I carabinieri del Ris hanno svolto nella sede di Parma 'accertamenti tecnici non ripetibili' disposti dal pm Letizia Ruggeri. Sono stati utilizzati strumenti come la Crimescope, una lampada che individua tracce biologiche, e il Luminol, che scova residui di sangue anche dopo anni e lavaggi accurati. Gli inquirenti ritengono di poter rilevare all'interno dei mezzi eventuali tracce riconducibili a Yara.
ANALISI IN CONTRADDITTORIO. Le analisi sono avvenute in contraddittorio tra le parti, ovvero alla presenza, oltre che dei carabinieri del Ris, anche dei periti di parte, dell'accusa e della difesa. Per rappresentare la famiglia di Yara Gambirasio era presente il consulente di parte Giorgio Portera.
RIPRESE DI UNA TELECAMERA. L'attenzione è riservata in particolare al furgone cassonato, visto che la telecamera a circuito chiuso di una banca vicina alla casa della 13enne di Brembate Sopra aveva ripreso un mezzo del tutto simile a quello del muratore di Mapello.
Il consulente dei Gambirasio non è invece voluto intervenire in merito alle controverse affermazioni di Fabio Buzzi, che nei giorni scorsi aveva dichiarato che sul corpo di Yara c'erano peli riconducibili a Bossetti, salvo poi rettificare le sue parole.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso