Invasore Belgio Stati 140702093026
POLEMICHE 2 Luglio Lug 2014 1848 02 luglio 2014

Mondiale 2014, l'invasore Mario Ferri si è finto disabile

La Fifa furiosa: «Una vergogna».

  • ...

Ancora una volta ha rubato la scena con una delle sue discusse invasioni di campo. Ma allo stadio di Salvador del Bahia, nel corso del match tra Belgio e Stati Uniti, Mario Ferri, alias il 'Falco', sembra averla combinata davvero grossa. Per aver accesso allo stadio, infatti, si è finto disabile, alzandosi all'improvviso dalla sua carrozzella per scendere sul terreno di gioco e scorrazzare sul prato con l'ormai celebre maglietta di Superman.
Non pago dell'arresto a Sudafrica 2010 per l'invasione durante la semifinale tra Spagna e Germania, Ferri ha pensato bene di portarsi appresso una sedia a rotelle dall'Italia, fondamentale per accedere all'area riservata ai portatori di handicap, particolarmente vicina al terreno di gioco.

Le gesta del Falco hanno mandato su tutte le furie la Fifa. «È una vergogna, questa persona è il peggiore esempio e deve essere punita», ha tuonato il segretario generale della Fifa, Jerome Valcke. «La cosa triste è che abbiamo lavorato per garantire l'accesso allo stadio per le persone con disabilità, bisogni speciali e su sedia a rotelle. Questa persona agisce contro tutto ciò che facciamo per garantire un posto a chi ne ha diritto».
L'INVASIONE DELLA VERGOGNA. In Brasile l'hanno già ribattezzata l'invasione della vergogna. Lui, da parte sua, non sembra essere affatto pentito. «Utilizzare la carrozzella, fingendo di avere un piccolo gesso alla gamba, era l'unico modo per arrivare a bordo campo», ha spiegato.
DUE MESSAGGI DI PACE. «Moralmente non è un bel gesto», ha aggiunto, «e chiedo scusa a chiunque si sia offeso. Ma era l'unico modo per lanciare due messaggi di pace: uno per i bambini delle favelas e l'altro per il tifoso napoletano ucciso, oltre che per chiedere un calcio pulito». Ferri ha dichiarato anche di aver ricevuto messaggi di solidarietà dai tifosi del Napoli.
SU FACEBOOK IL FALSO CERTIFICATO. Era stato lui stesso a pubblicare sulla propria pagina Facebook il video che lo immortala mentre si alza dalla carrozzella. Sempre sul social network, gli amici dell'invasore hanno pubblicato la foto di un certificato di invalidità, presumibilmente falso, rilasciato dal Comune di Montesilvano (Pescara), città di residenza di Ferri, usato probabilmente per accedere nell'area dello stadio riservata ai disabili.
ESPULSO DAL BRASILE. Nella tarda serata del 2 luglio, Ferri è stato espulso dal Brasile. La polizia federale, dopo averlo schedato, gli ha imposto di lasciare il Paese sudamericano entro tre giorni. Se non dovesse ottemperare, sarà arrestato e deportato, ha informato la polizia federale.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso