Pippo Baudo 140704150442
LUTTO 4 Luglio Lug 2014 1200 04 luglio 2014

Morte di Faletti, Baudo: «Era un artista vero»

Insieme a Fantastico 90 e a Sanremo: «Sono addolorato».

  • ...

Il presentatore Pippo Baudo.

Giorgio Faletti «è morto troppo giovane». Era «un vero artista, sensibile, delicato, ispirato, una persona perbene». Pippo Baudo lo conosceva bene, fin dai tempi di Fantastico '90 e poi del Festival di Sanremo del 1994. Per lui è una perdita improvvisa: non sapeva infatti che il cantante fosse malato da sei mesi di un tumore incurabile.
«UNA CARRIERA BELLISSIMA». «Sono molto dispiaciuto», ha detto Baudo. «Giorgio ha fatto una carriera bellissima. Quando mi fece sentire Signor tenente, gli dissi di metterci un'introduzione musicale, e glielo feci fare a Sanremo. Non pensavamo che avrebbe avuto un così grande successo». I diritti di quella canzone, ha ricordato ancora il presentatore, sono stati devoluti da Faletti ai parenti delle vittime di mafia.
LE IMPROVVISAZIONI A FANTASTICO '90. «A Fantastico '90», ha continuato Baudo, «Faletti faceva la parte di uno stilista gay che ogni volta lanciava improbabili costumi, ed era irresistibile. Provava in un modo e poi quando andava in onda lo sketch era sempre diverso». Oltre alla televisione e alla musica, anche la latteratura e il cinema: «Non c'è campo che non abbia frequentato e non c'erano limiti nella sua voglia di sperimentarsi».
L'ULTIMO PERIODO ALL'ISOLA D'ELBA. L'ultima volta che Baudo ha visto Faletti «risale a due anni fa. Forse non ha voluto far sapere che stava male», ha detto Pippo, che ha ricordato anche quando lo scrittore decise di andare a vivere sull'isola d'Elba. «Diceva che lì trovava ispirazione per i suoi romanzi», ha raccontato il presentatore. «Era sempre triste, mai allegrissimo. Una caratteristica comune a molti comici, e lui aveva anche una sensibilità enorme. Era legatissimo alla mamma. La sua scomparsa davvero mi addolora, l'ho presa molto male», ha concluso Baudo.

Correlati

Potresti esserti perso