Palestinese Ucciso 140702124955
TENSIONE 5 Luglio Lug 2014 1140 05 luglio 2014

Gerusalemme, «bruciato vivo il palestinese ucciso»

l'autopsia: il 16enne arabo «aveva ustioni sul 90% del corpo».

  • ...

Il giovane palestinese ucciso dagli ebrei a Gerusalemme.

È stato bruciato vivo Muhammad Abu Khdeir, il 17enne palestinese ucciso martedì primo luglio a Gerusalemme Est, apparentemente per vendicare l'omicidio dei tre giovani israeliani in Cisgiordania.
È quanto è emerso dai risultati dall'autopsia eseguita da un' équipe di medici israeliani a Tel Aviv, secondo l'edizione online del Jerusalem Post.
Muhammad Abu Khdeir presentava ustioni sul 90% del corpo e aveva inalato sostanze derivate da combustione.
RISCHIO TENSIONI. Una notizia che rischia di esacerbare ancora le tensioni dopo i violenti scontri delle ultime ore fra polizia israeliana e giovani palestinesi.

Il cadavere del 17enne (i cui funerali sono stati celebrati il 4 luglio) è stato trovato dalla polizia israeliana in un bosco di Gerusalemme, dopo che la famiglia aveva denunciato il suo rapimento. Secondo la radio militare il delitto è stato compiuto da ultrà ebrei in ritorsione per la uccisione di tre ragazzi ebrei in Cisgiordania.
STAVA ANDANDO IN MOSCHEA. Fonti locali hanno riferito che il giovane è stato fatto salire a forza su un'automobile mentre si recava all'alba a pregare in una moschea nel rione di Beit Hanina, a Gerusalemme Est. L'episodio sarebbe stato ripreso da telecamere di sicurezza.
Dopo il ritrovamento del corpo del ragazzo, incidenti tra polizia e dimostranti palestinesi si osn verifcati per giorni a Beit Hanina e Shufatt.

Correlati

Potresti esserti perso