Filorussi 140711104552
KIEV 11 Luglio Lug 2014 1036 11 luglio 2014

Ucraina, Amnesty: rapimenti e torture a Est

Violenze da entrambe le parti. Onu: 222 rapimenti in meno di un mese.

  • ...

Miliziani filorussi in Ucraina.

Rapimenti, pestaggi e torture contro attivisti, manifestanti e giornalisti nell'Ucraina orientale. La denuncia è di Amnesty International, che ha affermato di aver raccolto prove chiare e convincenti negli ultimi tre mesi di conflitto nell'ex repubblica sovietica. Nel periodo considerato ci sarebbe stata infatti un'intensificazione di queste forme d'intimidazione nella regione, teatro di scontri fra insorti filo-russi e lealisti di Kiev.
VIOLENZE DA ENTRAMBE LE PARTI. Il rapporto diffuso dall'organizzazione ha un titolo che non lascia spazio ai dubbi: Rapimenti e torture in Ucraina orientale. Contiene i risultati di una missione di ricerca a Kiev e nel Sud Est del Paese nelle ultime settimane. E documenta violenze attribuite a entrambe le parti in conflitto, puntando il dito soprattutto sui separatisti, ma senza assolvere i militari ucraini.
«FERMARE LA PRATICA ABERRANTE DEI RAPIMENTI». Negli ultimi tre mesi i rapimenti sarebbero stati «centinaia». Amnesty ha chiesto con fermezza di porre fine a «questa pratica aberrante», come l'ha definita Denis Krivosheiev, vicedirettore di Amnesty International per l'Europa e l'Asia centrale. «La maggior parte dei rapimenti», ha spiegato, «risulta perpetrata dai separatisti armati, con le vittime spesso sottoposte a pestaggi rivoltanti e torture. Vi sono però anche prove di un minor numero di abusi da parte delle forze pro-Kiev».
ONU: 222 SEQUESTRI TRA IL 13 APRILE E IL 7 GIUGNO. La denuncia di Amnesty ha trovato una conferma anche nel rapporto dell'Onu, che durante la missione in Ucraina tra il 13 aprile e il 7 giugno ha registrato ben 222 rapimenti e quattro omicidi politici. Molte delle vittime dei sequestri, dopo il rilascio, sono sparite senza raccontare la loro storia. Hanno lasciato la loro casa in poche ore e si sono rifugiate in altre regioni del Paese.

Correlati

Potresti esserti perso