Petro Poroshenko 140614170401
CRISI NELL'EST 11 Luglio Lug 2014 0715 11 luglio 2014

Ucraina, Poroshenko a Merkel: «Pronti al cessate il fuoco bilaterale»

La condizione: «Necessario assicurare il controllo su frontiera».

  • ...

Petro Poroshenko.

In una telefonata con la cancelliera tedesca Angela Merkel, il presidente ucraino Petro Poroshenko ha ribadito di essere pronto a un «cessate il fuoco bilaterale» nell'Est del Paese, ma a condizione che sia assicurato il controllo della frontiera con la Russia.
«Il presidente ha assicurato di essere pronto ad un cessate il fuoco bilaterale. Nello stesso tempo ha sottolineato che è necessario assicurare il controllo sula frontiera per fermare il trasferimento di armi e di combattenti dalla Russia, come pure la liberazione di tutti gli ostaggi e l'avvio di negoziati incondizionati», si legge in un comunicato della presidenza ucraina, che ha riferito l'esito della telefonata della sera di giovedì 10 luglio tra Poroshenko e la Merkel. Che, secondo Kiev, ha sottolineato che i rappresentanti della missione dell'Osce presenti nell'est del Paese «non hanno accesso ai posti di frontiera a causa dei combattimenti».
CONTATTO ANCHE COL VICEPRESIDENTE USA BIDEN. Sempre il 10 luglio Poroshenko ha avuto un colloquio telefonico anche con il vicepresidente Usa Joe Biden, con cui ha discusso il ripristino delle infrastrutture nelle località riconquistate ai separatisti filorussi, ricevendo la promessa di una assistenza americana.
TRE MORTI TRA IL 10 E L'11 LUGLIO. Intanto il servizio stampa dell'operazione militare di Kiev ha rivelato che altri tre soldati ucraini sono morti e 12 sono rimasti feriti tra il 10 e l'11 luglio nei combattimenti contro i secessionisti filorussi nell'Est del Paese.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso