LUTTO NELLA MUSICA 12 Luglio Lug 2014 1026 12 luglio 2014

È morto Tommy Ramone

S'è spento a 62 anni il batterista della band americana.

  • ...

È stato l'ultimo a mollare. Dopo la morte di Joey, Dee Dee e Johnny, era rimasto solo lui. Unico superstite tra i fondatori dei Ramones, band newyorchese che, tra la seconda metà degli Anni 70 e la prima dei 90, ha scritto la storia del punk rock a stelle e strisce.
Tommy Ramone, all'anagrafe Tamás Erdélyi, si è spento l'11 luglio, all'età di 62 anni, nella sua casa del Queens, consumato da un cancro al fegato.
FU CHIAMATO COME MANAGER. Nato a Budapest nel gennaio del 1952, fu membro del gruppo dal 1974 al 1978.
Chiamato originariamente come manager, si impose ben presto come batterista (pur non avendo esperienza alcuna) e sostituì Joey Ramone, che passò alla voce. Da allora videro la luce i dischi Ramones (fu lui a scrivere I Wanna Be Your Boyfriend, da solo, e Blitzkreg Bop, con il bassista Dee Dee), Leave Home e Rocket to Russia.

Tamás Erdélyi, alias Tommy Ramone, era nato a Budapest il 29 gennaio 1952. © Getty

IL RAMONE TRANQUILLO. Nel 1978 lasciò bacchette e pedali a Marky (lui sì ancora vivo), stremato, spremuto da uno stile di vita - quello degli altri tre Ramones - che poco si confaceva al suo, molto più tranquillo.
Disse una volta Dee Dee: «Era fantastico per un ragazzo di ventun'anni andare al supermercato a comprarsi delle patate e gli ingredienti per farsi un hamburger per cena quando io, ad esempio, passavo il tempo a mangiare patatine fritte e droga».

  • I Wanna Be Your Boyfriend è stata scritta interamente da Tommy Ramone.

LAVORÒ CON REDD KROSS E TALKING HEADS. Nonostante l'addio, Tommy produsse altri due dischi dei Ramones, Road To Ruin (1978) e Too Tough To Die (1984). Negli stessi anni e in quelli immediatamente successivi curò gli interessi di altre band, tra cui The Replacements, Redd Kross, The Rattlers e Talking Heads.
Nell'ultima fase della sua vita, suonò assieme alla compagna Claudia Tienan negli Uncle Monk, un duo country e bluegrass che ha pubblicato un album omonimo nel 2006.

Correlati

Potresti esserti perso