Meteo 140712144502
PREVISIONI 12 Luglio Lug 2014 1443 12 luglio 2014

Meteo: clima instabile fino a martedì, poi sole

Fine settimana incerto. Lunedì temporali. Poi caldo africano.

  • ...

Vento e nuvole in spiaggia a Marina di Pisa, 12 luglio 2014.

Tempo instabile fino a martedì 15 luglio, con temperature ampiamente al di sotto della media stagionale. Ma da lì in poi è previsto l'arrivo di aria calda dall'Africa, con temperature in aumento e tempo soleggiato in tutta Italia.
TEMPORALI AL NORD. Fine settimana incerto al Nord, con condizioni di marcata instabilità atmosferica. Piogge e temporali sono previsti anche nella mattinata di lunedì 14 luglio in Lombardia e nel Nord Est, in Liguria e in Toscana. Nel pomeriggio poi i temporali
dovrebbero estendersi un po' a tutte le regioni centrali, fino alla Campania e al nord della Puglia, mentre in serata i fenomeni dovrebbero focalizzarsi lungo il medio e basso Adriatico, mentre al Nord Ovest il clima «sarà più sereno», come spiegato dal centro Epson.
TEMPO MIGLIORE A PARTIRE DA MARTEDÌ. Da martedì 15 luglio il tempo «migliorerà». Nella prima parte della giornata sono previste ancora residue precipitazioni nelle regioni adriatiche e al Sud peninsulare, con tendenza a un miglioramento nel pomeriggio. Le temperature però sono destinate a far segnare sensibili rialzi al Nord, nelle regioni centrali tirreniche e in Sardegna.
WEEKEND DEL 20 LUGLIO OLTRE I 30 GRADI. Buone notizie per il prossimo weekend, quello di domenica 20 luglio. «Grazie all'espansione dell'anticiclone nordafricano», come comunicato da Epson, «prenderà il via un nuovo periodo di tempo bello e in prevalenza soleggiato, con temperature in graduale aumento e picchi oltre i 30 gradi, a partire da martedì 15 luglio fino al successivo weekend».
INSTABILITÀ DOVUTA A EL NIÑO. L'instabilità climatica è dovuta El Niño, un fenomeno ricorrente, quasi periodico, che si verifica nell'Oceano Pacifico centrale in media ogni cinque anni. Si tratta di un riscaldamento anomalo delle acque del Pacifico orientale a ridosso del continente americano, in zona tropicale. «Questo riscaldamento», secondo la climatologa Marina Baldi dell'Istituto di Ricerche Cnr-Ibimet, «blocca la corrente fredda di Humboldt che porta acque profonde e fredde in superficie».
INFLUENZATA TUTTA L'ESTATE. El Niño «influenzerà tutta la nostra estate: probabilmente la situazione che si sta verificando in Europa e nel Mediterraneo», ha spiegato Baldi, «è dovuta proprio alla sua azione». La buona notizia è che «saranno meno frequenti le ondate di gran caldo, meno frequenti e persistenti rispetto agli ultimi 15 anni, e ci sarà un numero di giorni di pioggia leggermente superiore, in particolar modo al Nord».

Correlati

Potresti esserti perso