Ucraina Boeing Malaysia 140717201428
TRAGEDIA 18 Luglio Lug 2014 0845 18 luglio 2014

Aereo abbattuto, le ultime notizie

Gli Usa chiedono cessate il fuoco.

  • ...

Ucraina: resti del Boeing 777 della Malaysia airlines dopo lo schianto (17 luglio 2014).

Il giorno dopo il dramma è già tempo di domande e accuse reciproche, con gli Usa che hanno incolpato i ribelli filorussi. Le prime risposte sul Boeing della Malaysia airlines abbattuto il 17 luglio potrebbero arrivare da una delle scatole nere, ritrovata il 18.
Non si sa al momento se si tratti dell'apparecchio che registra le conversazioni dell'equipaggio o quello che contiene i dati di volo, ma il suo contenuto potrebbe comunque fornire dettagli sull'accaduto.
USA: «RECUPERARE CORPI». L'attenzione ora si concentra sulle indagini, con gli Stati Uniti che hanno fatto un appello a un «cessate il fuoco immediato» in Ucraina per consentire un'inchiesta senza intralci sull'abbattimento del Boeing malese abbattuto in Ucraina.
«Chiediamo a tutte le parti interessate - la Russia, i separatisti filorussi e l'Ucraina - di appoggiare un cessate il fuoco immediato per consentire un accesso sicuro e senza ostacoli al luogo dell'incidente da parte degli investigatori internazionali, e al fine di facilitare il recupero dei resti dei corpi», ha detto in un comunicato il portavoce della Casa Bianca Josh Earnest.
Fonti dell'intelligence Usa hanno sostenuto che il missile che ha abbattuto il boeing malese sia stato lanciato molto probabilmente dai separatisti filorussi.
ASSENSO DEI FILORUSSI ALLA TREGUA E ALL'ACCESSO DELL'OSCE. Intanto i separatisti filorussi per bocca di uno dei leader ribelli, Andrei Purgin (le cui parole sono state riportate dall'agenzia russa Ria Novosti), hanno confermato la tregua di quattro giorni e dato il loro assenso all'accesso sicuro e senza limitazioni sul luogo del disastro aereo del Boeing della Malaysia Airlines degli ispettori internazionali dell'Osce.
PUTIN CHIEDE «UN'INCHIESTA OBIETTIVA». Il presidente russo Vladimir Putin, che ha avuto un colloquio telefonico col premier olandese Mark Rutte, ha chiesto che sulla tragedia venga effettuata «un'inchiesta obiettiva».
«Il capo dello Stato russo ha sottolineato che la tragedia avvenuta conferma ancora una volta la necessità di una rapida soluzione pacifica alla crisi acuta in Ucraina e tutte le circostanze intorno al disastro aereo devono essere studiate attentamente e obiettivamente», ha informato il Cremlino.
A BORDO ANCHE TRE NEONATI. Nello schianto, che ha causato in totale 298 vittime, Bruxelles ha intanto precisato che hanno perso la vita anche tre neonati che erano a bordo ma in un primo momento non erano stati conteggiati.

Il liveblogging del 18 luglio

18.09 - OBAMA: NO RUOLO MILITARE USA IN UCRAINA. «Non vediamo un ruolo militare americano» in Ucraina. Lo afferma il presidente Usa, Barack Obama.

18.00 - OBAMA: SERVE CESSATE IL FUOCO SUBITO. L'aereo abbattuto in Ucraina è una tragedia globale: serve un cessate il fuoco immediato in Ucraina. Lo afferma il presidente americano, Barack Obama.

16.41 - NAPOLITANO: «CHIAREZZA AL PIÙ PRESTO». «L'Italia è vicina a quanti sono stati colpiti dalla terribile sciagura, nella speranza che attraverso un convinto, leale e trasparente sforzo di collaborazione tra tutte le parti coinvolte, possa essere al più presto fatta piena luce sull'accaduto». Così Giorgio Napolitano sull'abbattimento dell'aereo della Malaysian Airlines.

16.30 - ONU: «ABBATTIMENTO APPARENTEMENTE DELIBERATO». Il capo degli affari politici dell'Onu, Jeffrey Feltman, ha parlato di un «abbattimento apparentemente deliberato di un aeroplano civile» in riferimento al velivolo precipitato in Ucraina. Nel corso della riunione di emergenza del Consiglio di sicurezza, Feltman ha detto che secondo rapporti credibili si ipotizza l'utilizzo di un «sofisticato missile terra-aria». L'International civil aviation organization (agenzia Onu per l'aviazione) ha offerto il suo aiuto per portare avanti l'inchiesta internazionale.

16.28 - TRA LE VITTIME 80 BAMBINI. C'erano 80 bambini e ragazzi a bordo del volo malese abbattuto. Lo ha detto il Commissario per i diritti umani del parlamento ucraino Valeria Lutkovska, secondo quanto riferito dall'agenzia ucraina Interfax-Ukraine, confermando cifre già circolate.

16.19 - CINA: «VERSIONI OCCIDENTALI A SENSO UNICO». La Cina ha messo in guardia da indagini «a senso unico» contro i separatisti filorussi sulla vicenda dell'aereo malese abbattuto in Ucraina. L'agenzia Xinhua, citata dalla Bbc, ha pubblicato un avviso del governo contro «conclusioni affrettate» sui responsabili del disastro, e in cui si criticano i Paesi occidentali per aver formulato «accuse unilaterali» contro i ribelli ucraini e la Russia.

16.16 - L'ONU CHIEDE INCHIESTA INTERNAZIONALE. Il Consiglio di Sicurezza dell'Onu ha chiesto una «inchiesta internazionale completa ed indipendente» sull'aereo precipitato in Ucraina. Lo hanno affermato i Quindici in una dichiarazione adottata all'unanimità nel corso della riunione di emergenza in corso al Palazzo di Vetro.

15.41 - USA: «MISSILE LANCIATO DALL'UCRAINA». Il missile che ha colpito l'aereo della Malaysia Airlines sarebbe stato lanciato da dentro l'Ucraina «molto probabilmente» dai separatisti filorussi. Lo fanno sapere fonti dell'intelligence americana che hanno 'accesso al dossier', secondo quanto riferisce la Cnn.

14.51 - GLI OLANDESI MORTI SONO 189. È salito a 189 il numero dei morti olandesi nella sciagura dell'aereo malese. Lo ha annunciato il portavoce della Malaysia Airline in una conferenza stampa. Le altre vittime: 44 malesi; 27 australiani; 12 indonesiani; 9 britannici; 4 tedeschi; 4 belgi; 3 filippini; un canadese ed un neozelandese. Altre quattro persone sono in corso di identificazione.

13.25 - ANCHE TRE NEONATI A BORDO. Il numero delle vittime della tragedia dell'aereo malese è salito nella notte da 295 a 298 perchè in un primo momento non erano stati contati i bambini sotto i due anni, che sedevano in braccio ai genitori. Èquanto riferiscono fonti di Bruxelles.

13.22 - PUTIN: «SERVE INCHIESTA OBIETTIVA». Il presidente russo Vladimir Putin chiede «un'inchiesta obiettiva» sulla tragedia. Lo ha reso noto il Cremlino, al termine di un colloquio con il premier olandese Mark Rutte, come riportano le agenzie russe.
«Il capo dello Stato russo ha sottolineato che la tragedia avvenuta conferma ancora una volta la necessità di una rapida soluzione pacifica alla crisi acuta in Ucraina e tutte le circostanze intorno al disastro aereo devono essere studiate attentamente e obiettivamente», informa il Cremlino, dopo il colloquio telefonico in cui Putin ha espresso le condoglianze a Rutte per le vittime olandesi del boeing malese.

12.58 - CAMERON: «I RESPONSABILI DEVONO DARNE CONTO». «Se, come sembra possibile, è stato abbattuto, allora i responsabili devono darne conto e non dobbiamo perdere tempo», ha detto il primo ministro britannico, David Cameron.

12.50 - I FILORUSSI PROMETTONO TREGUA DI 2-4 GIORNI. I separatisti filo-russi hanno promesso un cessate il fuoco per 2-4 giorni per consentire il recupero dei resti del Boeing malese schiantatosi ieri nell'est dell'Ucraina. Lo riferisce Andrei Purgin, uno dei leader ribelli, all'agenzia russa Ria Novosti.
I ribelli consentiranno l'accesso nell'area del disastro (circa 30 km da Donetsk) ai funzionari dell'Osce, dell'Organizzazione internazionale dell'aviazione civile e agli inquirenti ucraini, ha assicurato Purgin.

12.48 - RIMOSSI 181 CORPI NEL LUOGO DELLO SCHIANTO. Finora sono stati rimossi 181 corpi dal luogo della tragedia aerea nell'Est dell'Ucraina e portati a Kharkiv per essere identificati. In totale sono 298 le vittime. Lo riferiscono i media internazionali.

12.15 - MOSCA: «MISSILI UCRAINI ERANO ATTIVI». Il sistema missilistico ucraino era attivo nel giorno dell'abbattimento del boeing malesiano. Lo ha reso noto il ministero della Difesa russo. «Il 17 luglio le radio russe hanno rilevato segnali di attività nei pressi della stazione radar di Kupol - nei pressi del luogo del disastro - che opera in connessione con il sistema missilistico ucraino dei Bouk-M1», si spiega.

11.19 - MERKEL: «QUATTRO TEDESCHI MORTI». «Fra le vittime dell'aereo caduto ci sono quattro tedeschi». Lo ha detto Angela Merkel, in conferenza stampa con i media a Berlino, confermando dati già riferiti dalla compagnia aerea. «I nostri pensieri vanno ai familiari vittime», ha aggiunto spiegando di aver parlato con il premier olandese Mark Rutte per esprimere il cordoglio del governo e del popolo tedesco.

11.13 - MERKEL: «PUTIN COLLABORI». Angela Merkel ha rinnovato la richiesta al presidente Putin di «dare un contributo a una soluzione politica» del conflitto a Kiev. «Non c'è una alternative ragionevole a una soluzione politica e diplomatica», ha aggiunto. «È necessario il cessate il fuoco», ha detto.
Dall'annessione della Crimea si è generata «tensione» nei rapporti con la Russia e ci sono chiaramente «divergenze di vedute. Ma non esiste una strada diversa dal dialogo con il presidente Putin», ha detto rispondendo a una domanda.

10.53 - IATSENIUK: «RESPONSABILI ALL'AJA». I responsabili dell'abbattimento del Boeing malese sui cieli dell'Ucraina orientale devono essere giudicati alla Corte penale internazionale dell'Aja. Lo ha detto il primo ministro ucraino, Arseni Iatseniuk, accusando i russi di aver commesso un «rimine internazionale»
«I russi sono andati troppo in là», ha detto Iatseniuk. «Questo è un crimine internazionale, i cui responsabili devono essere giudicati all'Aja».

10.52 - WIZZ AIR FERMA I VOLI SULL'UCRAINA. «Wizz Air conferma che, fino ad ulteriore avviso, nessuno dei suoi voli sorvolerà l'Ucraina dell'Est». È quanto annuncia la compagnia aerea ungherese che vola nell'Est Europa, anche in Ucraina e in Russia, con collegamenti anche dall'Italia.

10.37 - MANCANO LE NAZIONALITÀ DI 41 VITTIME. Sull'aereo c'erano 298 persone e per 41 di queste la compagnia aerea ancora non ha fornito la nazionalità. È quanto emerso dai dati sulla lista delle persone a bordo, dati a Kuala Lumpur e riportati dalla Cnn online. Il gruppo più numeroso è quello dei 154 olandesi seguiti da 43 malesiani, tra cui i 15 membri di equipaggio, 27 australiani, 12 indonesiani, nove britannici, quattro tedeschi, quattro belgi, tre filippini e un canadese. Secondo la Farnesina sarebbe coinvolto nell'incidente «un doppio cittadino italiano-olandese e suo figlio». Inoltre il 17 luglio indiscrezioni di fonte Usa hanno parlato di 23 americani a bordo, la cui presenza però non è stata confermata ufficialmente

10.07 - CROLLO DELLA BORSA DI MOSCA. La Borsa di Mosca ha registrato un netto calo dopo l'episodio dell'abbattimento dell'aereo. L'indice Micex espresso in rubli ha ceduto l'1,67%, l'RTS, in dollari, ha ceduto il 2,23%.

9.33 - PUTIN: «SERVE SOLUZIONE PACIFICA». La «tragedia» dell'aereo delle Malaysia Airlines mostra la necessità di una «soluzione urgente e pacifica» della crisi in Ucraina. Lo ha detto il presidente russo Vladimir Putin parlando al telefono con il premier olandese Mark Rutte, secondo un comunicato del Cremlino.

9.30 - LUTTO NAZIONALE IN OLANDA. Olanda in lutto per il disastro aereo del Boeing 777 della Malaysia airlines, dove hanno trovato la morte almeno 154 cittadini dei Paesi Bassi. Le bandiere sono state issate a mezz'asta in tutto il Paese e in tutte le sue ambasciate. Il premier Mark Rutte, rientrato dal luogo di villeggiatura, dove si trovava con la famiglia, la sera del 17 luglio è andato all'aeroporto di Schipol, prima di raggiungere la sede del governo all'Aja.

9.19 - RIUNIONE DI CRISI A LONDRA. Il primo ministro britannico David Cameron ha intenzione di presiedere una riunione di crisi del cosiddetto comitato Cobra sulla tragedia dell'aereo della Malaysia precipitato in Ucraina. Lo ha reso noto la Bbc on line citando Downing Street.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso