Concordia 140715094255
RIGALLEGGIAMENTO 18 Luglio Lug 2014 1535 18 luglio 2014

Giglio, la Concordia riemerge di altri 4 metri

Creata una zona rossa di tre miglia. Partenza dal 21 luglio.

  • ...

I lavori sul relitto della Costa Concordia.

La prua è ancora sott'acqua, come la scritta Costa Concordia simbolo della tragedia: ma dopo cinque giorni di operazioni, i progressi cominciano a vedersi e la nave sta lentamente riaffiorando. Anche se prima che possa prendere di nuovo il mare, bisogna attendere almeno il 21 luglio. L'operazione rigalleggiamento va dunque avanti e il fatto che a Porto Santo Stefano si sia tenuta una riunione operativa per mettere a punto la rotta e i dettagli del convoglio che scorterà la Concordia a Genova, è il segnale che, forse, la parte più difficile è stata superata. «Stiamo registrando dei progressi costanti - dice il responsabile del progetto Franco Porcellacchia - abbiamo il totale controllo del mezzo e dunque siamo tranquilli e fiduciosi».
RIGALLEGGIAMENTO IL 19 LUGLIO. I progressi riguardano il fatto che il ponte 5, dopo il 6, è quasi completamente riemerso. Ed inoltre resta da collegare una sola catena a poppa e il cassone di prua: significa che, se non insorgeranno nuovi problemi, nella mattinata di sabato 19 comincerà il rigalleggiamento vero e proprio. Verrà dunque immessa aria nei cassoni e espulsa l'acqua, per far riemergere la Concordia di 10-11 metri, visto che la parte già fuori è di 4,15 metri.
INCERTEZZA SULLA DATA DI PARTENZA. Ancora incertezza, invece, sulla data di partenza. Il 21 luglio sembra che le condizioni meteo non siano delle migliori e dunque è ipotizzabile la partenza martedì 22. La Capitaneria di Porto ha emesso l'ordinanza che stabilisce una zona rossa di tre miglia tutto attorno alla Concordia: qualsiasi imbarcazione non autorizzata dovrà starne fuori e procedere ad una velocità ridotta nei pressi del convoglio, per non provocare onde pericolose.

Correlati

Potresti esserti perso