Ucraina Scontri 140515100022
TENSIONI 19 Luglio Lug 2014 1139 19 luglio 2014

Aereo abbattuto, l'Ucraina accusa i filorussi di distruggere le prove

Kiev accusa i ribelli di far sparire i resti dell'aereo.

  • ...

Ucraina: bandiere russe dei separatisti nella città orientale di Donetsk.

Tensione alle stelle tra Ucraina e Russia, dopo l'abbattimento del Boeing della Malaysia airlines. Il governo di Kiev ha accusato i ribelli filorussi di «cercare di distruggere, con il sostegno della Russia, le prove del loro crimine internazionale». In una dichiarazione ufficiale, l'Ucraina ha aggiunto che i separatisti stanno tentando di trasportare i resti dell'aereo abbattuto in Russia.
DIECI DOMANDE A KIEV. Immediata la replica stizzita da parte di Mosca, che ha posto 10 domande a Kiev per determinare chi abbia abbattuto l'aereo malese, sostanzialmente rovesciando le accuse. L'Itar-Tass ha riferito che il viceministro della Difesa Anatoly Antonov, in un'intervista alla tivù Russia 24, ha chiesto in particolare al governo ucraino di fornire dettagli sull'uso di missili terra aria Buk da parte del suo esercito nell'Est del Paese e di spiegare perché si trovino in quella zona, dal momento che gli insorti non hanno aviazione. Antonov ha messo in evidenza poi la necessità che l'Ucraina consenta l'accesso degli esperti internazionali al suo arsenale di missili terra aria e aria aria. Altra questione, perché i controllori di volo hanno permesso a un volo commerciale di attraversare una zona di guerra, dove molti aerei militari erano stati abbattuti nei giorni precedenti.
KIEV: «CORPI PORTATI VIA DAI TERRORISTI». Il ping pong di accuse è proseguito con un comunicato ufficiale del governo di Kiev: «I terroristi hanno trasportato i corpi di 38 vittime all'obitorio di Donetsk, dove specialisti che parlano con un forte accento russo hanno dichiarato che procederanno a un'autopsia. I filorussi cercano anche mezzi di trasporto di grande capacità per trasportare i resti dell'aereo in Russia». I separatisti, attraverso un loro capo, hanno invece parlato di 27 corpi, accusando poi Kiev di lavorare per «sabotare le indagini» sull'abbattimento e chiedendo agli esperti stranieri di arrivare «al più presto» sul luogo del disastro, non potendo garantire la loro sicurezza al 100%.
Il governo ucraino ha affermato che non si è trattato di un incidente, perché, secondo il premier Arseni Yatseniuk, chi ha lanciato il missile era «ben addestrato, non certo un terrorista russo ubriaco». Da Amsterdam, intanto, i parenti delle vittime olandesi sono in partenza per l'Ucraina. E i giornali locali, solitamente misurati, hanno proposto titoloni a affetto da tabloid britannico come 'Terroristi!' o 'Assassini!'. Uno sdegno accentuato dalle denunce di saccheggi di gioielli e carte di credito che arrivano dalla zona dello schianto, con molti dei cadaveri in via di decomposizione ancora abbandonati nei campi dell'area controllata dai ribelli.

Nessun accordo sulla zona di sicurezza

In un primo momento sembrava che i membri del gruppo di contatto che comprende Ucraina, Russia e Osce avessero raggiunto un accordo con i separatisti filorussi per «l'attuazione di una zona di sicurezza di 20 chilometri nel luogo in cui si è schiantato l'aereo della Malaysia airlines. Lo aveva annunciato il capo dei servizi di sicurezza locali, precisando che in questo modo l'Ucraina «potrà adempiere al suo compito essenziale identificare i corpi e restituirli alle famiglie».
Ma subito dopo Sergei Kavtaradze, uno dei leader separatisti della Reppubblica popolare di Donetsk, ha smentito: «Non c'è nessuna zona di sicurezza. Ci sono ancora attività militari da quelle parte».
PRESSING INTERNAZIONALE SU PUTIN.Angela Merkel e il presidente russo Vladimir Putin si sono detti concordi sulla rapida creazione di una commissione d'inchiesta indipendente, guidata dall'Organizzazione internazionale per l'aviazione civile (Icao), per far luce sulla strage, in cui hanno perso la vita 298 persone. La cancelliera tedesca ha nuovamente invitato il presidente russo a esercitare la sua influenza sui separatisti. Il premier olandese Mark Rutte (il suo Paese detiene il macabro record di vittime, 192), nel corso di una telefonata «molto accesa» ha chiesto a Putin di «prendersi le sue responsabilità» per facilitare l'accesso degli ispettori nella zona, mentre Londra lo ha accusato di non fornire «sostegno sufficiente». L'Australia ventila persino una (improbabile) esclusione della Russia dal prossimo vertice G20
SUL LUOGO DELL'ACCADUTO REGNA IL CAOS. Intanto, i primi ispettori internazionali, ne sono attesi 60 dalla Malesia, sono giunti sul luogo in cui si è schiantato il Boeing 777 con il compito immane di cercare di ricostruire l'accaduto nella vasta distesa di rottami tra i quali potrebbe nascondersi ancora il corpo di qualche vittima. La delegazione è stata accolta da uomini armati che si trovano nella zona. «Non sembra che ci sia qualcuno che realmente ha il controllo della situazione», ha detto Michael Bociurkiw, portavoce del team dell'Osce alla Cnn. Anche fonti indonesiane hanno espresso la loro preoccupazione che i corpi delle vittime non siano trattati con «dignità e rispetto».
Mistero anche sul ritrovamento della scatola nera dell'aereo. Mentre i ribelli filorussi l'avevano annunciato nella giornata di venerdì 18, non è arrivata alcuna conferma dalla sponda malese come dichiarato dal ministero dei Trasporti .
VOCE CAMBIATA SU WIKIPEDIA. Un software automatico per monitorare i cambiamenti apportati da siti governativi a Wikipedia ha poi scoperto che la voce sull'aereo della Malaysia Airlines abbattuto giovedì 17 liglio è stata modificata a partire da indirizzi internet appartenenti al governo russo. Secondo quanto ha riportato il Telegraph, il testo in russo, che nella versione originale accusava «terroristi dell'autoproclamata repubblica popolare del Donetsk di aver abbattuto con un missile Buk il Boeing 777 malese», dopo la modifica diceva semplicemente che l'aereo «era stato abbattuto da soldati ucraini».
Il cambiamento sarebbe stato effettuato da un computer situato a Kiev negli uffici della tivù di stato russa Vgtrk. Il 'Twitter Bot' che ha scoperto la modifica si chiama 'RuGovEdits'. Ogni volta che rileva un cambiamento fatto sull'enciclopedia in Rete a partire da computer che usano indirizzi internet governativi russi, manda automaticamente un tweet di segnalazione. Programmi simili sono in funzione anche per gli Usa e il Regno Unito. Anche se nessuno di questi 'bot' può arrivare a individuare l'autore materiale delle azioni, il loro funzionamento è comunque automatico e assicura una 'copertura' 24/7 in totale autonomia.

Correlati

Potresti esserti perso