Concordia 140715094255
RELITTO 22 Luglio Lug 2014 1230 22 luglio 2014

Concordia, Gabrielli conferma: «Salvo meteorite partenza il 23 luglio»

Sulla nave issata la bandiera blu.

  • ...

I lavori sul relitto della Costa Concordia.

Il capo della Protezione civile, Franco Gabrielli, ha confermato quella di mercoledì 23 luglio come la data in cui finalmente il relitto della Costa Concordia è destinato a lasciare le coste del Giglio. L'ok definitivo è stato dato durante una riunione tra gli addetti ai lavori.
«Non c'è più nessuna giustificazione per non partire domani, salvo il meteorite», ha detto Gabrielli, sull'isola per seguire le operazioni di rimozione della nave.
BANDIERA BLU. La 'Blue Peter', la bandiera che in gergo marinaro significa 'nave pronta a partire' è stata issata sulla parte più alta della Concordia. «Le operazioni di rigalleggiamento sono terminate in modo soddisfacente. Sulla nave c'è una bandiera con la P: pronta a partire. La nave parte domattina, è pronta. Ora ci saranno solo operazioni per valutare il massimo sollevamento che riusciremo a dare alla nave». Così il responsabile di Costa per la Concordia, Franco Porcellacchia.
METEO BUONO FINO AL 27. Nella giornata del 22 luglio sull'isola il tempo è stato nuvoloso e a tratti è caduta la pioggia.
«Il meteo», ha aggiunto Gabrielli, «va migliorando e avremo una buona finestra fino a domenica (27 luglio, ndr)», quando la Concordia dovrebbe raggiungere Genova. I lavori cominceranno presto: alle 6 i controlli, alle 8.30 le prime manovre, alle 12 il via al viaggio. Il relitto sarà trainato dai rimorchiatori, a una velocità di due nodi all'ora. «Tutte le verifiche ci indicano che non c'è il rischio di rottura della nave», ha chiosato Porcellacchia, «dal punto di vista dell'inquinamento, riteniamo che non ci saranno grosse situazioni di sversamento in mare. Nonostante questo, molte unità del convoglio sono adibite a intervenire se ci saranno sversamenti di sostanze inquinanti o che galleggiano. Tutto questo ci dà sufficienti garanzie che non ci siano eccessivi rischi».

Articoli Correlati

Potresti esserti perso