VACANZE SICURE 22 Luglio Lug 2014 1140 22 luglio 2014

Truffe ai turisti: guida per non farsi fregare

Dalla frode dell'anello al 'lancio del bimbo'.

  • ...

Paese che vai, truffa che trovi: dovunque nel mondo ci sono orde di malviventi pronti a spennare i malcapitati e ingenui turisti. Non bastano gli avvisi diffusi dalle organizzazioni nazionali e internazionali, sui siti dedicati ai turisti, i cartelli nei ristoranti o in metro: ogni anno sono comunque diverse migliaia i furti e truffe denunciati, senza calcolare tutti quelli che invece non vengono segnalati alle autorità locali.
BARCELLONA LA PIÙ PERICOLOSA. Le classifiche delle città più pericolose per i turisti vedono Barcellona al primo posto - Las ramblas e La bouqueria sono i posti preferiti dai borseggiatori - seguita da Roma, Parigi, Madrid, Atene, Praga, Alicante, Lisbona, Tenerife e Londra (guarda le mete low cost).
TRUCCHETTI DA PRESTIGIATORE. Ma questo solo per l’Europa: anche in posti come Rio De Janeiro, Buenos Aires, Hanoi e in molte città degli Stati Uniti bisogna tenere gli occhi spalancati.
Anche perché i malviventi sono furbi: sebbene ci siano alcuni grandi “classici” , come i borseggiatori in metro a Barcellona o Parigi, o i venditori di rose a Roma, ci sono alcuni trucchetti ben più originali. E per questo più pericolosi. Ecco una piccola guida alle principali truffe messe in atto in tutto il mondo.

  • La truffa della Fontana di Trevi a un ignaro turista ad opera di Totò, celebre scena di Totòtruffa 62.

Attenzione se qualcuno vi ferma per strada

1- IL BRACCIALETTO DELL’AMICIZIA. Mentre camminate a Parigi, a Roma, a Barcellona al Cairo può capitarvi di essere avvicinati da un tizio che insiste per regalarvi un braccialetto con cui testimonia la sua amicizia.
Se vi lasciate convincere, lui vi distrarrà intrecciandovelo al polso, e chiedendovi invece di pagarlo. Mentre discutete con lui, un suo complice potrebbe derubarvi.

2- ROSE PER LA VOSTRA FIDANZATA. State passeggiando mano nella mano a Parigi, a Roma, a Barcellona, quando vi si avvicina un venditore di rose che insiste perché ne regaliate una alla vostra compagna. Sarà parecchio pressante, e a quel punto avrete solo due scelte: acquistarla a peso d’oro, o sentirvi un cattivo fidanzato.

3- L’ANELLO RITROVATO. Vi si avvicineranno dicendo di aver trovato un anello prezioso e vi chiederanno se è vostro. Naturalmente la risposta sarà no: a quel punto lui o lei inizierà a guardare con attenzione l’oggetto assicurandovi che è vero oro, ve lo metterà in mano e vi chiederà una “ricompensa” per il suo regalo. Naturalmente molto più alta del valore reale dell’anello.

  • Come funziona la truffa dell'anello.

4- IL LANCIO DEL BAMBINO. A Roma può capitarvi che una vi getti un bambino (ma tranquilli, normalmente è solo una bambola) in braccio. Mentre voi siete sotto choc un complice è pronto a borseggiarvi.

5- IL PORTAFOGLI PERDUTO. Passeggiando per le strade di Roma, ma anche in Ucraina, potrebbe capitarvi di vedere un portafogli a terra, come fosse stato perduto.
Istintivamente controllerete il vostro: così i ladri, appostati dietro l’angolo, sapranno esattamente dove cercare per derubarvi.

6- LA MACCHIA SULLA GIACCA. Mentre camminate per Buenos Aires o Rio De Janeiro qualcuno potrebbe sporcarvi di proposito - col ketchup, il gelato, ma in questo la fantasia non ha limiti - così, mentre fa finta di aiutarvi a pulire la giacca che ingenuamente vi siete sfilati, può agevolmente prendere tutto quello che c’è nelle tasche.

7- LE NOCCIOLINE A PAGAMENTO. A Rio de Janeiro può capitare che un uomo vi offra delle noccioline, appoggiandole sul vostro tavolo. Non crediate siano davvero gratis: appena ne toccate una vi sarà chiesto di pagarla.

8- LA MACCHINA FOTOGRAFICA ROTTA. In qualsiasi parte del mondo qualcuno vi chiederà di scattare una foto di gruppo. Ma la macchina non funzionerà, e quando la restituirete diranno che l’avete rotta (o la romperanno davanti a voi) chiedendovi soldi per ripararla. Se non sborsate nulla potrebbero comunque borseggiarvi nella collutazione.

9- IL LUSTRASCARPE FURBETTO. Lo schema organizzato dai truffatori di Istanbul è semplice ed efficace: il lustrascarpe fa cadere la spazzola proprio davanti a voi, gliela raccogliete e lui dice di volervi ringraziare pulendo le vostre calzature. Ma poi vi chiede i soldi per il servizio.

10- GIOCHI DI STRADA. Sui marciapiedi di Parigi, Barcellona o Londra, ma anche di Napoli e di altre città italiane, potreste vedere una piccola folla radunata per assistere al gioco delle tre carte o altri trucchetti di magia e di abilità. Non vi avvicinate: i turisti sono in realtà complici dell’attore e vi deruberanno mentre voi cercate di capire il trucco.

  • Il gioco delle tre carte a Barcellona.

11- LA MALEDIZIONE DEL ROSARIO. Una donna, nelle strade di Madrid o di Nuova Delhi, vi si avvicinerà tendendovi un rosario «in segno di amicizia». Magari vi prenderà anche la mano per leggere il vostro futuro. A quel punto vi chiederà un obolo: se non le date nulla, inizierà a maledire voi e la vostra famiglia.

12- IL FOTOGRAFO VOLONTARIO. Siete in vacanza con il vostro parter e vi scattate foto l’un l’altro: dovunque in Europa può capitare che qualcuno vi si avvicini e si offra di farvela insieme. Dopo il “cheese” potrebbe chiedervi dei soldi. O scappare via con la macchina fotografica.

13- IL MUSICISTA CONTABILE. A New York capita di frequente: un musicista richiama la vostra attenzione, vi convince a fermarvi e poi dice di volervi offrire il suo cd dicendo che sarebbe onorato di essere ascoltato anche nella vostra città. Ovviamente nel momento in cui accettate vi chiederà di essere pagato: se rifiutate, potrebbero arrivare anche i suoi amici a intimidirvi finché non vi convincete.

14- LO SPACCIATORE POLIZIOTTO. A Koh Phangan, in Thailandia, tassisti e autisti di tuk-tuk potrebbero proporvi di acquistare droghe mentre state andando a far baldoria. Se accettate, spunterà un falso poliziotto che vi chiederà di pagare una multa salatissima.

15- VENDITORI DI MAPPE E BORSAIOLI. Sempre in Europa, può capitare che vi propongano l’acquisto di una mappa. Quando vi distraggono per mostrarvela, un complice vi svuoterà le tasche.

16- L’ELEMOSINA ESCA. Un anziano, una donna incinta vi chiederanno - in qualsiasi parte del mondo - di fare loro la carità donando qualche monetina. Sembra una buona azione: in realtà serve a vedere dove tenete il portafogli.

17- LA STUDENTESSA D’INGLESE. A Shangai, Beijing e XIan ragazzine dall’aspetto assolutamente innocente vi chiederanno se parlate inglese e vi proporranno una chiacchierata perché loro possano praticare la lingua. La loro storia, ovviamente, sarà super pietosa con lo scopo di spillarvi qualche soldo. In alternativa, potrebbero invitarvi a bere un caffè scomparendo al momento del conto, ovviamente salatissimo.

18- LA GANG DEI BAMBINI. Nelle strade di Roma, Milano e Firenze, ma anche in metro e in stazione, un gruppo numeroso di bambini rom vi circonderà facendo rumore e confondendovi finché non riusciranno ad arraffare qualsiasi cosa abbiate in tasca.

  • Un gruppo di ladri aggredisce turisti nelle spiagge brasiliane.

19- LA CARTOLINA PER COMMUOVERVI. A Roma può capitare che un bambino povero vi tenda una cartolina e una penna chiedendovi di aiutarlo a scrivere a casa. Ovviamente inizierà a parlare della sua difficile vita finché, commossi, non gli darete dei soldi.

20- LA PETIZIONE SVUOTA TASCHE. Un gruppo di bambini a Parigi potrebbe invitarvi a sottoscrivere una petizione o fare una donazione. Mentre leggete di cosa si tratta, vi svuoteranno le tasche.

21- IL MASSAGGIO GRATIS. Siete in spiaggia alle Barbados o alle Bahamas quando vi offrono un massaggio gratis. Ovviamente pretenderanno di essere pagati: se non accettate, saranno dolori.

22- LE FINTE AVANCES. In un qualsiasi locale di Atene può capitarci che una donna avvenente inizi a flirtare con voi chiedendovi di seguirla in un bar o in un night. Prima di esultare, sappiate che alla fine vi chiederà un bel po’ di soldi.

23- IL BORSEGGIATO BORSEGGIATORE. In Europa i malviventi arrivano a far finta di essere premurosi abitanti del luogo e vi avvertiranno di aver appena assistito a un furto. Voi controllerete portafogli e telefono, così sapranno come derubarvi un attimo dopo.

Taxi, bus, treni: mai abbassare la guardia

24- IL TASSISTA ESOSO. Approfittando della vostra assoluta ignoranza della zona, un tassista di qualsiasi città nel mondo potrebbe proporvi giri infiniti, strade «più veloci» che in realtà allungano di parecchi chilometri, chiedervi supplementi inesistenti o alterare il tassametro per spillarvi più soldi. Meglio pianificare prima gli spostamenti, così da non farsi cogliere impreparati.

25- IL BUS NOTTURNO. A Bangkok è frequente che ai turisti venga proposto un bus notturno che li porti di città in città a prezzi stracciati. Alla fine, ovviamente, si finisce per pagare molto più del normale, visto che approfittano del vostro sonno per frugare nei bagagli e rubare qualsiasi oggetto abbia un minimo di valore.

26- IL “CAMBIO” TRADITORE. In Asia attenzione al resto: tassisti, camerieri, negozianti potrebbero 'accidentalmente' far cadere il vostro resto, riconsegnandovi monete o banconote che vi assomigliano ma valgono molto meno.

  • Borseggiatore in azione su un autobus in Cina.

27- LA RUOTA SGONFIA. Le auto a noleggio sono facilmente riconoscibili e segnalano ai malviventi la presenza di un turista: per questo a Napoli come a San Josè, altrimenti splendida città della California, può capitare che vi buchino intenzionalmente una gomma e si offrano poi di aiutarvi a cambiarla. Durante l’operazione hanno il tempo di prendere dall’abitacolo qualsiasi cosa abbia valore.

28- IL CLASSICO BORSAIOLO DA TRENO. Treni, metropolitane (ma anche bus e tram) sono uno dei migliori luoghi d’azione per i borseggiatori. In Europa mai stare tranquilli in una carrozza affollata: uno di questi malviventi vi si avvicinerà per approfittare della confusione e derubarvi.

29- IL TASSISTA IN FUGA. Una volta arrivati all’hotel dall’aeroporto di Las Vegas, il tassista potrebbe iniziare a scaricare in fretta e furia le vostre valigie per poi risalire velocemente nella vettura e scappare. Questo perché avrà lasciato a bordo il bagaglio più piccolo, di cui facilmente vi sarete dimenticati. Salvo ricordarvene quando sarà troppo tardi.

Nei negozi o usufruendo dei servizi pubblici: attenzione ai furbetti

30- IL CASSIERE AL TELEFONO. In un negozio di Barcellona, il cassiere potrebbe farvi perdere tempo al momento di pagare facendo finta di parlare al telefono. In realtà sta fotografando la vostra carta di credito, che poi proverà a replicare.

31- IL CAMBIO LENTO. Allo sportello del cambiavalute, e può succedere dunque in Europa, l’impiegato di turno potrebbe cominciare a contare con esasperante lentezza nella speranza che perdiate la pazienza e accettiate qualsiasi cambio vi proponga. Ovviamente l’importo proposto sarà nettamente inferiore al valore reale.

32- L’AFFARE A SORPRESA. A Bangkok o a Nuova Delhi, l’amichevole personaggio alla guida del tuk tuk vi dirà che la destinazione da voi desiderata è chiusa, e vi consiglierà altro da visitare.Quando arriverete, ci sarà un altro uomo che vi dirà di essere commerciante in diamanti e pietre preziose, che acquista localmente per poi rivenderle a prezzo maggiore. Lo scopo è portarvi a comprare pietre e tappeti.

  • Il servizio di una televisione inglese che spiega i metodi borseggiatori rom in Italia.

33- IL DOTTORE ASSICURATORE. Un medico “fuori servizio” potrebbe avvicinarsi a Nuova Delhi proponendovi falsi referti da mostrare alle assicurazioni per incassare rimborsi una volta a casa. Ovviamente le assicurazioni conoscono benissimo la truffa.

34- IL FALSO POLIZIOTTO. È un classico a Mexico City, Bogotà, Bucarest e Bangkok: un falso poliziotto vi si avvicinerà sostenendo che nella zona circolano banconote false, e vorrà vedere il vostro portafogli. Quando lo restituirà mancheranno dei soldi. L’altra versione delle truffa prevede che vi chiedano i documenti e, fingendo che vi sia un problema, esigano il pagamento di una multa salata.

35- IL BAGARINO DELLE SOLE. Mentre siete in fila per acquistare i biglietti per un’attrazione a Parigi o Londra, un falso impiegato della società vi potrebbe proporre l’acquisto di un ticket saltafila a prezzo maggiorato. Ovviamente il biglietto non funziona.

36- I FINTI SUPER GENTILI. Davanti a un bancomat o a un distributore di biglietti un uomo potrebbe offrirsi per aiutarvi. In realtà il suo scopo è memorizzare il pin per usarlo quando più tardi vi ruberanno anche la carta. O semplicemente aspettare che preleviate e correre via con i soldi. Truffa molto frequente in Europa.

Derubati nella vostra camera d'albergo

37- L’HOTEL CHIUSO. Il tassista potrebbe tentare di convincervi che l’hotel che avete prenotato - in una qualsiasi città europea - è chiuso, e vi aiuterà a trovarne un altro. Che ovviamente sarà carissimo e in un posto orribile. La versione più moderna di questa truffa prevede che l’hotel sia giusto, ma che le foto su internet che avete visto al momento della prenotazione siano sbagliate.

38- LA FALSA TELEFONATA. Un ladro vi chiamerà in camera - in qualsiasi parte del mondo - facendo finta di chiamare dal desk dell’albergo, dicendo che c’è un problema e chiedendovi i dati della carta di credito. Tutto nel cuore della notte, così che sia più facile imbrogliarvi.

  • Un ladro entra in una stanza d'albergo. Era un agente della sicurezza.

39- GLI ISPETTORI DELLA STANZA. Soprattutto a Madrid e Barcellona può succedere che due persone, vestite come impiegati dell’hotel, bussino alla porta per un’ispezione di routine. Mentre uno vi distrae, l’altro si prenderà tutto quello che c’è da rubare.

40- IL FALSO MENU TAKE AWAY. Negli Stati Uniti può capitare che artisti della truffa facciano scivolare un falso menù sotto la vostra porta d’albergo. Non fatevi tentare dall’idea: una volta ordinato non riceverete nulla da mangiare, solo un addebito esorbitante sulla vostra carta di credito.

Correlati

Potresti esserti perso