Guardia Finanza Auto 131003113300
LOTTA ALLE MAFIE 23 Luglio Lug 2014 0800 23 luglio 2014

Camorra, sequestro da 15 milioni a imprenditore legato ai Casalesi

Nicola Palladino ritenuto legato ai clan Schiavone e Zagaria.

  • ...

Un'auto della guardia di finanza.

Ville, aziende e disponibilità finanziarie per circa 15 milioni di euro riconducibili all'imprenditore dell'Alto Casertano Nicola Palladino, 58 anni, sono stati sequestrati dal Gico della Guardia di Finanza di Napoli. Nei riguardi di Palladino, ritenuto «organicamente inserito nel clan dei Casalesi», eseguito un decreto dal Tribunale di Santa Maria Capua Vetere su richiesta della Dda partenopea. Palladino è ritenuto il braccio imprenditoriale delle fazioni Schiavone e Zagaria del clan.
Il provvedimento di sequestro riguarda 3 società, con relativi patrimoni aziendali; 2 ditte individuali; quote societarie di 3 società; 36 fabbricati; 3 terreni; 36 automezzi; 12 rapporti bancari.
RE DEL CALCESTRUZZO GRAZIE AI RAPPORTI COI CLAN. Secondo quanto accertato nel corso delle indagini, coordinate dai pm della Procura Antimafia di Napoli, proprio grazie al vincolo con il clan l'imprenditore aveva assunto nella provincia di Caserta una posizione predominante nel mercato della commercializzazione del calcestruzzo, insieme ad altre imprese dello stesso settore, sempre riconducibili al clan. Attraverso questo «cartello» di società, nel quale figura la Cls srl di Pastorano (Caserta), sequestrata perché riconducibile a Palladino, il clan riusciva a influenzare a proprio vantaggio il prezzo di vendita del prodotto e, nel contempo, ad aggiudicarsi le forniture per importanti opere nel settore degli appalti pubblici. L'imprenditore versava poi al clan, periodicamente, somme di denaro a titolo di contropartita dei benefici economici ottenuti grazie all'aggiudicazione delle forniture.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso