Peaches Geldof 140409174712
STAR E DROGA 23 Luglio Lug 2014 1945 23 luglio 2014

Peaches Geldof morì per overdose di eroina

Morì nell'aprile 2014: fatale una ricaduta.

  • ...

Peaches Geldof, conduttrice tivù e modella inglese scomparsa il 7 aprile.

La conferma è arrivata: Peaches Geldof, figlia del leggendario Bob, è stata stroncata da un'overdose di eroina.
DIPENDENTE DA EROINA. La 25enne madre di due figli piccoli non aveva solo sperimentato in gioventù droghe e alcol, era stata dipendente dall'eroina.
Di sicuro fino al 2011 quando, aveva intrapreso un percorso per uscire dalla dipendenza.
Si aiutava con i sostitutivi, metadone principalmente ma non erano mancate le ricadute.
SEGNI SUL CORPO. Putroppo i sospetti sulla sua tossicodipendenza erano stati evidenti già quando il corpo fu ritrovato nel Kent il 7 aprile 2014.
Sul cadavere i segni inconfondibili della droga: sui gomiti, sui polsi, sulle dita.
Anche il marito, il musicista Tom Cohen, si ritrova tragicamente ad ammettere che, in fondo, sapeva, che era tornata a usare eroina lo scorso febbraio.
MARITO SOSPETTAVA QUALCOSA. Nonostante Peaches avesse negato in più occasioni, nonostante si sottoponesse a test e verifiche, Tom sospettava che sugli esiti di queste gli mentisse. E l'aveva vista, una volta, mandare giù nello sciacquone la sostanza killer.
Nella casa del Kent sono stati trovati 6,9 grammi della sostanza.
NESSUNA TRACCIA DI SUICIDIO. Nessuna traccia però che possa indicare un suicidio.
Si ipotizza che proprio il fatto che il suo corpo non fosse più assuefatto alla sostanza possa aver reso fatale quell'ultima dose.
Iniettata quando era sola in casa con la più piccola dei suoi bambini, Phaedra di 11 mesi.
SIMILITUDINI CON SEYMOUR HOFFMAN. Il caso di Peaches rimanda alla morte di Philip Seymore Hoffman, l'attore deceduto a febbraio 2014 per un'overdose a 46 anni, dopo che per oltre vent'anni era stato lontano dall'eroina.
La madre di Peaches,Paula Yates, morì nello stesso modo, a 41 anni, il suo corpo fu trovato nel suo appartamento a Londra.

Correlati

Potresti esserti perso