Alpinismo 140726150526
IMPRESE 26 Luglio Lug 2014 1447 26 luglio 2014

Alpinismo, tre italiani sulla cima del K2

Sono gli altoatesini Lunger e Gruber e il valsesiano Cucchi.

  • ...

Una foto scattata dalla cima del K2.

Tra alpinisti italiani hanno conquistato la cima del K2, a 8.611 metri, in Pakistan, a 60 anni dalla prima ascensione assoluta realizzata da Achille Compagnoni e Lino Lacedelli. In vetta sono arrivati gli altoatesini Tamara Lunger e Nikolaus Gruber e il valsesiano Michele Cucchi. Assieme a loro anche altri alpinisti di Nepal, Gran Bretagna, Repubblica Ceca assieme a sei scalatori pachistani del team, Hassan Jan, Ali Durani, Rahmat Ullah Baig e Ghulam Mehdi, Ali e Muhammad Sadiq.
IL CAMPIONE DI VELOCITÀ HA RINUNCIATO. Cucchi, l'ultimo italiano giunto in vetta, fa parte della spedizione italo-pachistana, promossa da EvK2Cnr in occasione del 60esimo anniversario della prima ascensione assoluta compiuta dagli italiani su una delle montagne più affascinanti del mondo.
L'impresa è appoggiata dal governo locale della provincia di Gilgit-Baltistan. Gli alpinisti erano partiti il 14 giugno e avevano raggiunto il campo base dopo due settimane.
Il valdostano Simone Origone, pluricampione di sci di velocità, ha rinunciato a 8.100 metri.
ORIGONE SOCCORRE PAKISTANO. Proprio l'alpinista italiano si è reso protagonista di un'operazione di soccorso a 8 mila metri di quota.
Il valdostano è infatti intervenuto in aiuto del compagno pakistano Muhammad Hassan che si era sentito male sopra il campo 4.
Grazie al supporto medico telefonico con Annalisa Cogo, ricercatrice EvK2CNR, Origone e Daniele Nardi che si trova tuttora a Campo 4 in attesa degli altri compagni in discesa dalla vetta, hanno potuto effettuare i primi interventi.
INIEZIONI DA ORIGONE. Origone ha poi praticato iniezioni e ossigeno al pakistano che era in edema e l'ha trasportato da campo 4 a campo 3, dove dovrebbero rimanere fino alla mattina del 27 luglio.

Correlati

Potresti esserti perso