Nigeria Boko Haram 120206203826
TERRORISMO 27 Luglio Lug 2014 2003 27 luglio 2014

Camerun, rapita moglie del vicepremier

Sequestrata dai Boko Haram.

  • ...

Nigeria: soldati della setta Boko Haram.

La moglie del vicepremier del Camerun è stata rapita dal gruppo integralista islamico nigeriano Boko Haram in un attacco a Kolofata, città vicino al confine con la Nigeria.
Lo hanno riferito media internazionali.
VICEPREMIER ILLESO. I Boko Haram hanno attaccato la casa del vicepremier, dove la famiglia stava celebrando la fine del Ramadan. Lui è stato portato in una città vicino dalle guardie di sicurezza.
In un altro attacco ma sempre nella stessa città, è stato sequestrato il sindaco. Nei due blitz sono anche rimaste uccise almeno sei persone (quattro civili e due poliziotti).
Le autorità camerunensi hanno rafforzato la presenza militare nella regione, facendo entrare in funzione anche i caccia e bombardando la zona.
ATTENTATO CONTRO CHIESA A KANO. Intanto non si placa la scia di sangue anche nella vicina Nigeria, dove lo stesso giorno, cinque persone sono morte e otto sono rimaste ferite in un attentato alla chiesa di San Giorgio nel quartiere cristiano di Sabon Gari, a Kano, nel Nord del Paese, che in passato era stato colpito da attentati di Boko Haram.
Secondo il portavoce della polizia nigeriana si è trattato «senza dubbio di un ordigno rudimentale piazzato dall'altro lato della strada».
KAMIKAZE ALL'UNIVERSITÀ. Sempre in giornata, nei pressi di uno degli atenei della città, una donna kamikaze si è fatta esplodere, ferendo cinque persone. L'attentatrice, che aveva nascosto l'ordigno sotto il suo hijab, è stata bloccata dalle forze dell'ordine all'ingresso dell'università. A insospettire la polizia, il suo comportamento insolito. A causa dell'ondata di violenza, le autorità della città nord nigeriana hanno deciso di annullare i festeggiamenti per il Eid al Fitr, che segnano la fine del mese sacro del Ramadan.
Da metà aprile 2014, la Nigeria è teatro di una recrudescenza della violenza a opera del gruppo armato islamista, che ha intensificato il ritmo degli attacchi, moltiplicando massacri di civili, attentati sanguinosi e rapimenti, tra cui il sequestro di massa di oltre 200 ragazze liceali nel Nord Est del Paese.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso