Costa Concordia Genova 140727210141
MISSIONE COMPIUTA 27 Luglio Lug 2014 2102 27 luglio 2014

Costa Concordia arrivata al porto di Genova

La nave della Costa approda a Genova.

  • ...

La Costa Concordia nel porto di Genova.

C'era una grande folla di persone, la mattina del 27 luglio, al porto di Genova. Rappresentanti del governo, delle istituzioni, tecnici e curiosi. Aspettavano l'arrivo di una nave, ma non di una nave qualunque. Il gigante che alle 11.49 si è intravisto in lontananza era la Costa Concordia, quella che per oltre due anni, dal 13 gennaio 2012, era rimasta appoggiata sugli scogli del Giglio.
Poco prima di mezzogiorno, trainata dai rimorchiatori Svezia e Spagna, ha doppiato il faro rosso della Foranea, quindi è entrata in porto per il suo ultimo viaggio, per andare a morire.
LA SQUADRA GUIDATA DA SLOANE. La missione, tutt'altro che semplice, è stata compiuta. Ora non resta che distruggere il relitto per recuperare tutto quello che può essere utilizzato ancora.
Al suo ultimo viaggio hanno partecipato in tanti, a partire da Nick Sloane, salvage master della Titan Micoperi che è stato regista di un vero e proprio miracolo, agli ingegneri che hanno reso possibile sollevare una massa di 87.196 tonnellate e renderla capace di affrontare 200 miglia in navigazione.
Le luci nell'unità di crisi della Capitaneria di porto, dove si trova l'ammiraglio Vincenzo Melone, non si sono spente mai. Con gli uomini della Guardia costiera c'erano il prefetto Franco Gabrielli, capo della Protezione civile e il ministro per l'Ambiente Gian Luca Galletti, che hanno seguito con il sistema di rilevazione Perseus la navigazione della Concordia.
L'AD DI COSTA SULLA NAVE. Alle 6 del mattino, il capo dei piloti di Genova Giovanni Lettich è salito a bordo del relitto. È stato il segnale che era arrivato il momento di 'salutare' Resolve e Blizzard, i due potenti mezzi oceanici che avevano trascinato fino a lì la nave. Poco prima delle 7 anche l'amministratore delegato di Costa Crociere Michael Thamm è salito sulla Concordia «per dire grazie a Sloane».
Le operazioni sono state rallentate da un forte vento di tramontana che ha toccato i 20 nodi. La nave è stata agganciata dai genovesi alle 10.28. Alle 11.17 la prua della Concordia è stata posizionata a Ponente. A poppa c'erano i rimorchiatori Spagna e Svezia che hanno cominciato a trainare la nave verso l'imboccatura della Foranea alla velocità di 0,3 nodi.
L'ultimo viaggio è stato lento, estenuante. Il mondo seguiva, attraverso le televisioni, l'epilogo di una storia triste e fuori dall'ordinario. Alle 11.49, accolta dal lugubre colpo di sirena di una portacontainer, la Concordia ha doppiato il primo faro della Foranea. Tecnicamente era in porto.
RENZI: «GRATO A CHI HA FATTO L'IMPRESA». «È il momento della gratitudine per chi ha fatto l'impresa. La qualità straordinaria di tante persone ha riportato qua la nave dopo l'errore di qualcuno», ha detto il premier Matteo Renzi arrivato al termine del viaggio di Concordia accolto dai ministri Galletti e Pinotti.
«Non c'è possibilità di essere felici quando si chiude una vicenda che ha portato a 33 morti», ha aggiunto. «È il giorno del ricordo delle vittime e della gratitudine agli abitanti del Giglio e non è il giorno della conclusione di questa storia, ma è un nuovo inizio».
E un pensiero particolare è andato anche al capo della Protezione civile, Franco Gabrielli, che a sua volta ha ringraziato tutti coloro che lo hanno aiutato in questi anni e si è tolto più di un sassolino dalle scarpe. Concordia è stata ormeggiata alle 16.42. Pronta per morire.

Correlati

Potresti esserti perso