Corpo Senza Vita 140728234224
CRONACA 28 Luglio Lug 2014 0945 28 luglio 2014

Napoli, ucciso in strada: ipotesi di tragico errore

Spari su pensionato. Scambio di persona.

  • ...

Il corpo senza vita di Mariano Bottari.

Era uscito a fare la spesa, come ogni giorno, ma è stato colpito a morte, in pieno viso, a pochi metri dalla sua casa, da un proiettile sparato molto probabilmente per un regolamento di conti al quale lui era completamente estraneo. Si chiama Mariano Bottari, pensionato di 75 anni, l'ennesima vittima innocente della ferocia criminale che tra Napoli e provincia ha già fatto oltre 30 morti negli ultimi 25 anni. Il suo nome va ad aggiungersi a una lunga lista di uomini, donne, bambini, giovani e anziani che hanno perso la vita perché si sono trovati in mezzo a sparatorie tra opposte fazioni di criminali. Bottari è morto a Portici, città della cintura napoletana con 55 mila abitanti, in una strada, via Benedetto Croce, con palazzine popolari e una sede distaccata dell'Inps.
INSEGUIMENTO TRA SCOOTER. Secondo la ricostruzione degli investigatori, intorno alle 11 lungo via Scalea, strada attigua a via Croce, si inseguivano due scooter. Il primo con una persona a bordo, il secondo con due persone che urlavano al primo «Ti devo uccidere». Poi è partito un colpo, uno solo, di grosso calibro, che nella sua tragica traiettoria ha mancato il bersaglio al quale era destinato e ha raggiunto il pensionato in viso. Bottari è morto all'istante, senza neanche rendersi conto di quello che stava succedendo. In pochi minuti, sul posto, assieme ad amici e parenti, è arrivata anche una delle figlie che non ha retto al dolore e ha trovato rifugio nella vicinissima chiesa del Redentore dove - ha riferito padre Giuseppe De Crescenzo - talvolta il pensionato si recava con i familiari per ascoltare la messa.
VICINATO AMMUTOLITO. Il dolore ha ammutolito tutti gli abitanti del quartiere, che hanno ripetuto solo una cosa: «Era una brava, bravissima persona» che accudiva la moglie invalida. Per l'intera giornata, i carabinieri hanno ascoltato testimoni e raccolto indizi. Un aiuto potrà giungere dalle immagini dei circuiti di videosorveglianza presenti nell'area. Si ipotizza che il conflitto a fuoco sia avvenuto tra persone che non sono della zona: la strada dell'agguato è al confine tra Portici e San Giovanni a Teduccio, quartiere di Napoli. «Le strade sono ancora in mano a loro», ha tuonato don Tonino Palmese, delegato della curia di Napoli per la carità e la pastorale sociale e referente dell'associazione 'Libera' in Campania, «sono in mano a quei criminali che regolano i conti per le loro nefandezze. Sparano e uccidono ancora una volta un innocente, espressione di una stragrande maggioranza di cittadini che non hanno nulla a che vedere con questi criminali. L'onestà dei tanti e il martirio delle centinaia di vittime innocenti devono costringere questi esseri con sembianze umane ad andare via, anzi a tornare agli inferi dai quali provengono».

Articoli Correlati

Potresti esserti perso