Giuseppe Tesauro Presidente 140730200247
PROFILO 30 Luglio Lug 2014 2001 30 luglio 2014

Giuseppe Tesauro, chi è il presidente della Corte costituzionale

Dalla laurea in Giurisprudenza alla lotta ai cartelli assicurativi: la parabola del nuovo numero uno della Consulta.

  • ...

Giuseppe Tesauro, presidente della Corte Costituzionale.

Nato Napoli il 15 novembre 1942, sposato con tre figli, Giuseppe Tesauro, eletto il 30 luglio presidente della Corte costituzionale, è considerato uno dei massimi esperti italiani di diritto comunitario.
Si è laureato in Giurisprudenza nel 1964, è stato docente di Organizzazione internazionale nella facoltà di Scienze politiche di Catania dal 1969 al 1972, ordinario di Diritto internazionale a Messina dal 1972 al 1975, poi all'università di Napoli fino al 1981 e dal 1982 al 1994 alla Sapienza di Roma.
Ha diretto la Scuola di specializzazione in Diritto delle comunità europee dell'università di Roma dal 1984 al 1988.
Avvocato cassazionista, ha esercitato la sua attività presso lo studio legale Carnelutti, uno dei più noti della Capitale.
IN CARICA FINO A NOVEMBRE. È stato membro del Consiglio del Contenzioso diplomatico della Farnesina e Avvocato generale della Corte di giustizia delle comunità Europee dal 1988 al 1998. Il 16 dicembre 1997 è stato scelto dai presidenti di Camera e Senato, Luciano Violante e Nicola Mancino, come presidente dell'Antitrust, carica che ha ricoperto dal 1998 al 2005: la lotta ai cartelli assicurativi e alle industrie del tabacco sono stati alcune dei settori in cui ha agito in quella veste e sotto la sua presidenza l'Antitrust ha comminato anche una mega multa a Telecom.
Il 4 novembre 2005 è stato nominato alla Corte costituzionale dall'allora capo dello Stato Carlo Azeglio Ciampi e ha giurato il 9 dello stesso mese. Dopo l'elezione del 30 luglio 2014, avvenuta con sette preferenze su 13, è destinato a rimanere in carica come presidente fino a novembre, quando scadono i suoi nove anni da giudice della Consulta.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso