Esplosione 140802193318
TRAGEDIA 2 Agosto Ago 2014 1930 02 agosto 2014

Cina, esplode fabbrica: almeno 68 morti

Le cause sono ancora ignote.

  • ...

L'esplosione della fabbrica in Cina.

Almeno 68 persone sono morte e 180 sono rimaste ferite il 2 agosto quando una violenta esplosione si è prodotta in una fabbrica di lucido per metallo nella provincia cinese del Jiangsu, a 50 km dalla capitale industriale e finanziaria del Paese, Shanghai.
DIRIGENTI INTERROGATI. Le cause del disastro ancora non sono state ancora individuate ma i media cinesi riferiscono che cinque dirigenti della fabbrica, che appartiene alla Zhongrong Metal Production, sono stati fermati dalla polizia e interrogati. Il lucido prodotto dalla Zhongrong è usato soprattutto per le ruote delle automobili e tra i clienti della compagnia ci sono multinazionali come l'americana General Motors.
L'ipotesi più credibile appare quella di scintille che hanno colpito una concentrazione di polvere di metallo altamente infiammabile. Le immagini diffuse dalla televisione cinese mostrano grosse colonne di fumo nero che si alzano dall'edificio.
OSPEDALI PIENI. Testimoni hanno affermato che il dramma si è verificato alle 7.37 locali (la Cina è sei ore avanti rispetto all'Italia). Molti dei feriti sono stati ricoverati negli ospedali di Shanghai perché circa due ore dopo la tragedia l'ospedale di Kushan, il piccolo centro che ospita la fabbrica, ha affermato di non essere in grado di accoglierli tutti.
«La scena è disastrosa, il posto è irriconoscibile», ha scritto un testimone su Weibo, il twitter cinese. «Abbiamo sentito un botto fortissimo poco dopo le sette e siamo immediatamente corsi fuori dai nostri dormitori», ha raccontato un giovane operaio. «Prima sono arrivare le ambulanze, poi man mano che la notizia si diffondeva sono arrivati i parenti, soprattutto mogli, che volevano accertarsi che i loro mariti stessero bene». «È incredibile, questo è un centro industriale ma in tanti anni non era mai successo niente del genere», ha aggiunto un anziano residente della zona.
ESPLOSIONE IN UNO SPAZIO RISTRETTO. Secondo le prime ricostruzioni l'esplosione si è verificata in uno spazio ristretto, dal quale era difficile allontanarsi rapidamente. A partire dal primo pomeriggio la fabbrica è stata chiusa ed è controllata dalla polizia, che ancora non ha annunciato i risultati dell'inchiesta in corso.
La tragedia arriva a pochi giorni di distanza dalla drammatica vicenda di Kaoshiung, la città taiwanese nella quale decine di persone hanno perso la vita o sono state gravemente ferite in seguito all'esplosione di alcuni tubi del gas.

Correlati

Potresti esserti perso