Yara Gambirasio Massimo 140616194246
INCHIESTA 2 Agosto Ago 2014 1500 02 agosto 2014

Omicidio Yara, Massimo Giuseppe Bossetti a colloquio con i genitori

Il legale: «Per la famiglia è innocente».

  • ...

Massimo Giuseppe Bossetti, il presunto assassino di Yara Gambirasio.

Sono arrivati il 2 agosto mattina presto e hanno lasciato il carcere verso le 12 i genitori di Massimo Giuseppe Bossetti, il carpentiere 43enne accusato dell'omicidio di Yara Gambirasio, in isolamento da 48 giorni.
Al fianco di Ester Arzuffi e Giovanni Bossetti, l'uomo che Massimo Giuseppe ha sempre ritenuto suo padre e che è gravemente malato, c'era anche la sorella gemella Laura.
Nessuna indiscrezione sul contenuto del primo incontro al quale hanno partecipato anche gli avvocati Silvia Gazzetti e Claudio Salvagni.
UNITI NELL'INNOCENZA. I familiari se ne sono andati a bordo di un'auto coi vetri oscurati guidata dall'avvocato di Ester Arzuffi, Benedetto Bonomo: «La famiglia è entrata unita ed esce unita», ha affermato il legale.
«Posso solo dire che c'è stata molta commozione. La famiglia crede fermamente nell'innocenza del figlio».
Di un incontro «molto intenso» hanno parlato anche gli avvocati di Massimo Giuseppe Bossetti, specificando comunque che si è trattato si un colloquio strettamente privato, al quale non hanno partecipato.
«Possiamo solo immaginare come si siano sentiti», ha precisato Silvia Gazzetti. Sull'inchiesta, Claudio Salvagni ha risposto ai cronisti affermando che «per ora ci sono solo gli elementi raccolti dalla procura. Faremo a nostra volta le indagini e poi si vedrà».

Articoli Correlati

Potresti esserti perso