Barcone Migranti 140701201435
MIGRANTI 3 Agosto Ago 2014 1658 03 agosto 2014

Immigrazione, fermati due scafisti: un video li inchioda

Continuano gli sbarchi a Pozzallo e a Taranto.

  • ...

La polizia di Ragusa ha fermato un tunisino, Ali Yookobi, 18 anni, e un marocchino, Saber Magdoub, 26 anni, accusati di essere gli scafisti che pilotavano il barcone con 357 migranti poi recuperati dalla nave Bonita Piraeus giunta il 3 agosto a Pozzallo.
«IL MOTORE È ANDATO A FUOCO». Alcuni migranti testimoni hanno raccontato: «Abbiamo rischiato la vita, improvvisamente il motore è andato a fuoco, forse per il troppo calore o perdita di carburante, e nonostante il pronto intervento di molti di noi riportava danni tanto da non riaccendersi più; per fortuna dopo un po' è sopraggiunta una nave mercantile che ci ha salvati».
UNO SCAFISTA HA CERCATO DI DISTRUGGERE LE PROVE. Gli scafisti sono stati incastrati da un video girato da loro stessi. Durante lo sbarco il tunisino ha tentato di disfarsi di un cellulare ma è stato bloccato da uno poliziotto della Squadra Mobile. Nel cellulare c'era un video che riprendeva sia lui che il complice mentre pilotavano il peschereccio.
PICCHIATI CON BASTONI DAI LIBICI. Un altro migrante ha raccontato le fasi precedenti alla partenza dalla Libia sul barcone: «Giunti in questa spiaggia ho trovato altre persone che già attendevano. I libici ci hanno radunati a gruppetti e durante tali fase di organizzazione gli stessi libici non lesinavano di picchiarci e minacciarci di fare presto e accelerare le operazioni. Sulla battigia ad attenderci vi erano due gommoni condotti sempre da libici dove a gruppi di circa 50 persone alla volta salivamo per essere condotti in acque più profonde ove ad attenderci vi era un barcone in legno. Appena ho fatto ingresso sul barcone in legno, ho notato che vi erano tante persone imbarcate. Purtroppo a me inizialmente è stato assegnato un posto nella stiva. Da allora per tutta la notte non ho visto nulla».

Continuano gli sbarchi

Un gommone semiaffondato soccorso da una nave militare italiana.


QUARTO SBARCO IN QUATTRO GIORNI. Intanto è ripreso lo sbarco di migranti. Sono approdati a Pozzallo 184 persone. È il quarto sbarco negli ultimi 4 giorni. Gli extracomunitari, tra i quali ci sono 15 donne, sono stati soccorsi da una nave petroliera battente bandiera liberiana. Due migranti incinte sono state ricoverate nell'ospedale di Modica per accertamenti.
PIÙ DI 1300 ATTESI A TARANTO. Un altro sbarco di migranti salvati nell'operazione 'Mare nostrum' è atteso per il 4 agosto a Taranto, quando dovrebbe approdare la nave Fasan con a bordo 1.311 migranti, che saranno accompagnati in centri di accoglienza prima del trasferimento verso altre destinazioni. Il 29 luglio la nave Zeffiro aveva condotto a Taranto 404 migranti. Si tratta del decimo sbarco nel capoluogo ionico dall'aprile scorso.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso