Ebola Liberia 140807160440
EPIDEMIA 8 Agosto Ago 2014 1430 08 agosto 2014

Ebola, il laboratorio mobile dell'Ue parte dell'Italia

Non contagiata la suora missionaria spagnola.

  • ...

Madrid: paramedici trasportano un uomo affetto dal virus dell'ebola (7 agosto 2014).

L’Europa ha deciso di far partire dall'Italia il laboratorio mobile comunitario, diretto in Sierra Leone e che dorvrebbe decollare nei prossimi giorni per fronteggiare l'epidemia di Ebola.
Lo ha affermato il direttore scientifico dell'istituto Spallanzani di Roma Giuseppe Ippolito: «Il laboratorio è qui da noi, era destinato originariamente alla Tanzania».
IL TEAM NON È ANCORA PRONTO. Il laboratorio mobile ha il compito di analizzare i campioni dei casi sospetti, e si aggiunge a quello, sempre gestito dallo Spallanzani, operativo in Guinea. Non è ancora decisa invece la composizione del team che deve operare nel laboratorio, che potrebbe comprendere anche personale italiano. Secondo Ippolito la decisione dell'Oms di alzare l'allarme sul virus era attesa: «La dichiarazione di emergenza di salute pubblica internazionale serve da una parte a dare all'Oms una maggiore autorità di coordinamento e dall'altra a chiedere ulteriori finanziamenti alla comunità internazionale».
SANA LA SUORA SPANGOLA. Intanto notizie positive arrivano dalla Spagna: Non è contagiata dal virus dell’Ebola la suora iberica Juliana Donoha Bohe rimpatriata il 7 agosto con il missionario Miguel Pajares che, invece, ha contratto virus in Liberia.
SCONOSCIUTE LE CONDIZIONI DEL MISSIONARIO. Lo hanno reso noto i sanitari dell'ospedale La Paz di Madrid, nel quale si due si trovano ricoverati, in isolamento da quando è avvenuto il loro rientro in Spagna. I medici hanno detto che gli esami saranno ripetuti tra quattro giorni. Non è stato invece rilevato l'andamento dei controlli sul missionario, Miguel Pajares, dell'Ordine di San Giovanni di Dio.
POLEMICA SUL RIENTRO DEI DUE RELIGIOSI. Intanto il premier spagnolo, Mariano Rajoy, ha smorzato sul nascere le voci contrastanti su chi pagherà le spese per il trasporto dei due religiosi dalla Liberia in Spagna: «Sono a carico del Governo. Sono sbigottito, non so da dove nasca questo dibattito. E puro buon senso: molti spagnoli vengono rimpatriati dalla Libia di questi giorni e ci pensa il Governo, come è nostro dovere. Spero che la controversia sia risolta».

Articoli Correlati

Potresti esserti perso