Iraq Guerra 140627142128
CONFLITTO 9 Agosto Ago 2014 1214 09 agosto 2014

Iraq, Obama: «No a un'altra guerra»

«Non c'è una soluzione militare alla crisi».

  • ...

Brigate armate irachene contro l'Isis.

Dopo l'autorizzazione ai raid aerei contro obiettivi mirati dei jahidisti per cercare di aiutare un Paese ostaggio dell'estremismo islamico, il presidente americano Barack Obama ha ribadito di non voler intraprendere una nuova guerra in Iraq: «Come commander in chief non permetterò che gli Stati Uniti siano trascinati in un'altra guerra in Iraq. Le truppe non torneranno a combattere in Iraq perché non c'è una soluzione militare americana alla crisi».
«CONTINUEREMO LA NOSTRA STRATEGIA». Il numero uno della Casa Bianca ha anche confermato la ferma intenzione di proteggere i cittadini: «Continueremo la nostra strategia in Iraq. Proteggeremo i nostri cittadini. Lavoreremo con la comunità internazionale per affrontare questa crisi umanitaria. Aiuteremo a prevenire che questi terroristi abbiano un paradiso permanente da cui attaccare l'America». Il presidente ha continuato: «Gli Stati Uniti non possono e non devono intervenire ogni volta che c'è una crisi. Ma quando c'è una' situazione' come quelle sul monte Sinjar, quando innocenti si trovano ad affrontare un massacro e quando noi abbiamo la possibilità di prevenirlo, non possiamo guardare da un'altra parte», sottolineando che è iniziato uno sforzo umanitario per aiutare i civili iracheni intrappolati sulla montagna.
UCCISI TERRORISTI SUNNITI. In una nota, il Pentagono ha informato che droni e jet militari hanno colpito due volte una posizione dei combattenti sunniti «eliminandoli con successo». In seguito, i jet hanno neutralizzato con otto bombe un convoglio di veicoli e una postazione d'attacco vicino Erbil, dove gli Usa hanno una sede diplomatica. Intanto le forze aeree americane hanno nuovamente paracadutato sull' Iraq viveri e acqua destinati alle popolazioni minacciate dall'avanzata dei jihadisti nel nord del Paese attraverso tre velivoli cargo scortati da due caccia F/A-18.
DONNA GIUSTIZIATA PERCHÉ CONTRO L'ISIS. Ma la violenza non sembra placarsi. Una donna è stata 'giustiziata' dai miliziani dello Stato islamico in Iraq per avere imprecato contro i jihadisti e cercato di convincere i commercianti di un mercato locale a non vendere loro alcuna merce. Lo ha riferito un responsabile della polizia di Kirkuk. La vittima, di 40 anni, è stata uccisa a colpi d'arma da fuoco nei pressi della sua casa, nel villaggio di Al Zab, a Sud-Ovest di Kirkuk.

Correlati

Potresti esserti perso