Coda Autostrada 140809155308
BOLLINO NERO 9 Agosto Ago 2014 1544 09 agosto 2014

Traffico e nave bloccata: caos trasporti

Le ferie difficili degli italiani.

  • ...

Con le code che si moltiplicano sulle autostrade italiane, nel giorno del grande esodo da bollino rosso, e la Guardia di finanza che ha scoperto una maxi-truffa delle pompe di benzina (irregolare una su tre), il debutto delle ferie estive degli italiani appare segnato da intoppi che non hanno risparmiato nemmeno le vie d'acqua.
Circa 700 passeggeri, che avrebbero dovuto imbarcarsi venerdì 8 agosto per la Grecia su un traghetto Larks della compagnia Egnatia Seaways, sono infatti bloccati al porto di Brindisi, e stanno protestando al terminal della banchina di Costa Morena.

Viaggiatori al porto di Brindisi.

Viaggiatori bloccati al porto di Brindisi

NAVE FERMA IN GRECIA PER UN GUASTO. La nave, che avrebbe dovuto condurre i viaggiatori italiani a Corfù, è ferma in Grecia per un guasto. I turisti hanno chiesto l'intervento delle forze dell'ordine, e la Capitaneria di porto sta cercando una soluzione alternativa, che consenta comunque al gruppo, che aveva già pagato il biglietto, di salvare in extremis la vacanza. Potrebbe essere garantito un collegamento straordinario utilizzando un traghetto che normalmente effettua la tratta per l'Albania.
ALLOGGIATI A PROPRIE SPESE. Ai viaggiatori, pronti per partire, era stato prima comunnicato un ritardo di un'ora. Poi l'aggiornamento: la nave sarebbe partita soltanto sabato 9 agosto. Ma anche questo annuncio è stato smentito. I vacanzieri bloccati hanno dovuto cercare a proprie spese una sistemazione. Alcuni hanno trovato posto in un albergo vicino al porto di Brindisi, altri hanno dovuto trascorrere la notte accampati in una sala del terminal.

Traffico intenso sulle autostrade italiane.

Code in autostrada: bollino rosso da Nord a Sud

Il traffico stradale nella giornata di sabato 9 agosto è stato molto intenso, sia al Nord che al Sud della Penisola. Diventando «congestionato» in alcuni punti. Secondo Viabilità Italia, la circolazione è particolarmente sostenuta lungo la riviera adriatica e lungo la A4 da Venezia verso Trieste. In serata, tuttavia, è previsto che «i volumi scenderanno riducendo le situazioni di congestione».
I PUNTI CRITICI. Questi al momento i punti più critici sulla rete autostradale: code a tratti tra allacciamento A22 e allacciamento A14 Bologna Borgo Panigale in direzione Bologna; code per 6 km tra Santa Maria Capua Vetere e allacciamento A30 in direzione Napoli; traforo del Monte Bianco: 1 ora di attesa sul lato italiano per l'ingresso in Francia e 2 ore e un quarto sul lato francese per l'ingresso in Italia; code di 8 km per traffico intenso tra Brennero e Vipiteno; code a tratti e rallentamenti tra Chiusa Val Gardena e Trento Sud in carreggiata sud. In carreggiata nord, code a tratti tra Mantova nord e San Michele all'Adige-Mezzocorona e coda per 2 km tra Bressanone e Vipiteno; a Villa San Giovanni 120 minuti d'attesa per l'imbarco verso la Sicilia.

Scoperta dalle Fiamme gialle maxitruffa alle pompe di benzina.

Truffe alle pompe di benzina: irregolare una su tre

E se le auto sono in coda, la Guardia di finanza ha scoperto che potrebbe andare anche peggio a chi volesse fare rifornimento di carburante.
Un blitz delle Fiamme gialle nei distributori, nell'ambito di un piano estivo a tutela dei consumatori, ha infatti verificato l'irregolarità di 230 impianti sugli 800 visitati in tutta Italia.
DENUNCIATE 33 PERSONE. Sono state denunciate in tutto 33 persone: tra le irregolarità riscontrate, anche un centinaio di violazioni alla disciplina sui prezzi.

Sequestrati dai Nas cibi avariati negli stabilimenti balneari.

In spiaggia cibi avariati

Per chi ha optato per il classico stabilimento balneare, invece, il rischio non è quello di essere truffati, ma di restare intossicati.
Una serie di controlli a tappeto da parte dei Nas ha portato al sequestro di strutture per un valore complessivo di circa due milioni di euro, contenenti alimenti potenzialmente nocivi per la salute umana o mal conservati.
OPERAZIONE BAGNASCIUGA. Nell'operazione, chiamata 'Bagnasciuga', sono stati ispezionati circa 500 stabilimenti, e le irregolarità sono state riscontrate nel 20% dei casi. Ben 30 ettolitri di liquidi e 6 mila confezioni di prodotti alimentari (tra pesci, molluschi, gelati, dolci, carne, formaggi, prodotti da forno, frutta e verdura, bibite e bevande) sono risultati di ignota provenienza o in cattive condizioni di conservazione.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso