Ucraina 140808131400
GUERRA 18 Agosto Ago 2014 1531 18 agosto 2014

Ucraina, raid contro rifugiati: filorussi negano

Bombardata miniera: 30 uomini intrappolati.

  • ...

Un mezzo blindato ucraino.

Non si placa la strage in Ucraina.
A pagarne il prezzo nelle ultime ore sono i rifugiati, civili in fuga dai luoghi del conflitto, e uomini intrappolati in una miniera dopo un colpo d'artiglieria.
Un bus carico di rifugiati proveniente da Lugansk è stato colpito da un razzo sulla strada tra Khriaschuvate e Novosvitlivka. Imprecisato il numero delle vittime, tra cui ci sarebbero donne e bambini.
BRUCIATI VIVI NEL BUS. «La forza dell'esplosione è stata così potente che le persone sono bruciate vive all'interno del veicolo», ha affermato il portavoce dell'esercito ucraino Anatoly Proshin.
Mancano tuttavia ancora conferme indipendenti dell'attacco. Circa 500 persone al giorno scappano dalla città roccaforte dei miliziani assediata dall'esercito ucraino. Ma è di nuovo guerra di accuse tra le parti: Kiev ha accusato i ribelli filorussi, che negano ogni addebito.
MINIERA BOMBARDATA. Neppure le miniere sono risparmiate dai bombardamenti nel conflitto del Sud-Est ucraino. Il 17 agosto infatti un colpo di artiglieria di provenienza non meglio precisata, ha centrato la Komsomolets, una delle più grandi miniere del Donbass, con 4.800 operai e una produzione di 4 milioni di tonnellate di carbone (8% della produzione nazionale). Lo ha riferito la società energetica Dtek dell'oligarca Rinat Akhmetov, l'uomo più ricco del Paese. Il proiettile ha causato un incendio, poi prontamente domato.
30 UOMINI INTRAPPOLATI. Nessuna vittima tra i sette operai del team di emergenza, subito risalito in superficie, ma 30 uomini sono ancora intrappolati all'interno della miniera, dove sono in corso le operazioni di soccorso.
La miniera, che ha sospeso l'attività dal primo agosto a causa delle ostilità, richiede ventilazione e pompaggio d'acqua continui perché potenzialmente esplosiva per l'alta concentrazione di metano.
Nel frattempo è stato raggiunto il consenso per fornire aiuti umanitari in Ucraina: lo ha riferito il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov in una conferenza stampa, nella quale ha commentato l'esito dei negoziati a Berlino sulla crisi ucraina con i colleghi tedesco, francese e ucraino.

Correlati

Potresti esserti perso