Brescia Stazione 121008141940
ALLARME 23 Agosto Ago 2014 1844 23 agosto 2014

Brescia, lo studente jihadista sparito da gennaio

Sparito 20enne accusato di terrorismo.

  • ...

La stazione di Brescia, punto di incontro tra culture e confessioni diverse.

Mentre l'Occidente si interroga sul grado di penetrazione jihadista in Europa e Usa, in Italia ci si chiede quali siano le sorti dello studente marocchino Anas El Abboubi, già arrestato nel giugno 2013 con l'accusa di terrorismo internazionale.
Poco più che 20enne e da una quindicina residente con la famiglia a Vobarno in Valle Sabbia nel Bresciano, dal gennaio scorso si sono perse le sue tracce, anche se ha continuato a postare frasi come «Il mio datore di lavoro è la Jihad», con una sua foto con un kalashnikov in mano. Ora anche il suo profilo Facebook risulta cancellato.
GIÀ ARRESTATO DALLA DIGOS. Oltre un anno fa il giovane, che fino a quel momento aveva frequentato regolarmente le scuole, era stato arrestato perchè sospettato di voler mettere in atto azioni terroristiche.
Sul suo computer c'erano video in arabo e filmati che spiegavano come utilizzare le armi e come uccidere.
«Aveva individuato obiettivi sensibili e lo abbiamo fermato poco prima che entrasse in azione», dissero gli inquirenti al momento dell'arresto.
PER I GIUDICI NON C'ERANO PROVE. In effetti, nelle ricerche effettuate in internet, il giovane si era soffermato a studiare la stazione di Brescia, il cavalcavia Kennedy e piazza del Duomo.
Terrorista per la Digos di Brescia, ma non per il tribunale del Riesame, che dopo 16 giorni di cella decise per la scarcerazione. «Perché non sussistono i gravi indizi di colpevolezza e il pericolo di reiterazione del reato» scrissero i giudici.
Pochi mesi dopo, a gennaio, si sono perse definitivamente le sue tracce.
Secondo il padre è all'estero. «È in Siria», ha precisato più volte nei mesi scorsi il suo legale, l'avvocato Giovanni Brunelli.
La conferma della partenza per Aleppo sul suo profilo Facebook prima che fosse definitivamente cancellato.

Correlati

Potresti esserti perso