Bashar Assad Siria 130912153811
MEDIO ORIENTE 25 Agosto Ago 2014 1246 25 agosto 2014

Siria pronta a collaborare nella lotta al terrorismo

Ok ad azioni militari, ma coordinate da Damasco.

  • ...

Il presidente siriano Bashar al Assad.

Dopo oltre tre anni di guerra civile e 200 mila morti dal 2011, il regime di Bashar al Assad è ancora forte, tanto da permettersi di dettare le condizioni a un Occidente in crisi di fronte all'avanzata dell'Isis in Medio Oriente.
La Siria si è detta pronta a collaborare alla lotta contro il terrorismo: lo ha affermato il ministro degli Esteri siriano Walid al Muallim, citato dall'agenzia ufficiale Sana, precisando che la collaborazione può avvenire nel rispetto della risoluzione Onu n.2170, che prevede sanzioni contro gruppi jihadisti in Siria e Iraq.
COORDINAMENTO SIRIANO. Damasco sarebbe inoltre d'accordo con azioni militari, «anche della Gran Bretagna e degli Usa» sul proprio territorio contro l'Isis, ma solo con «un pieno coordinamento con il governo siriano».
La mossa diplomatica sembra puntare a rompere l'isolamento internazionale nel quale si trova il regime di Assad, consapevole di giocare un ruolo fondamentale, ora che l'Occidente fatica ad arrestare l'avanzata dell'Isis in Iraq e Siria.
«NOI AVREMMO SALVATO FOLEY». Il ministro ha anche commentato il fallito blitz delle forze speciali Usa per liberare il giornalista James Foley, poi ucciso dall'Isis: «Vi assicuro che se ci fosse stato un coordinamento tra gli Usa e il governo siriano, l'operazione non sarebbe fallita».

Correlati

Potresti esserti perso