Bergamo Campeggio 140829143825
TRAGEDIA 29 Agosto Ago 2014 1142 29 agosto 2014

Bergamo, bambino di otto anni e la mamma trovati morti

Madre e figlio trovati morti nel Bergamasco.

  • ...

La tenda dove si erano accampati il bambino e sua madre, trovati morti in Alta Valle Brembana.

Un bambino di nove anni e la madre sono stati trovati morti giovedì 28 agosto a Cusio, in alta Valbrembana, nel Bergamasco. Secondo L'Eco di Bergamo, erano arrivati in montagna con una tenda all'alba, e a trovare il cadavere del bambino è stato un pastore (foto).
ANTIDEPRESSIVI NELLA TENDA. La tenda era stata montata in un posto non adatto al campeggio, perché impervio e lontano da corsi d'acqua. Nel tardo pomeriggio di giovedì 28 agosto l'uomo vi si era avvicinato, temendo che qualcuno si fosse sentito male. Dentro non c'era nessuno: il pastore ha trovato soltanto degli indumenti, dei farmaci antidepressivi e un telefono cellulare. Ha digitato alla voce 'mamma' e ha risposto la madre della donna, la quale si è detta subito preoccupata perché la figlia stava attraversando un brutto momento familiare.
IL CORPO RITROVATO NELLA NOTTE. Il pastore ha quindi avvertito il gestore di un vicino rifugio, e sono cominciate le ricerche da parte dei carabinieri: nella notte, a 15 minuti di cammino dalla tenda, è stato trovato il corpo del piccolo Patrick Lorenzi. Successivamente Gessica Mambretti, la mamma del bimbo, è stata trovata senza vita a una certa distanza. Il corpo della donna è stato rinvenuto in un dirupo, nella stessa zona impervia del Bergamasco, a quasi 1.900 metri di quota.
IL PM INDAGA PER OMICIDIO. Il pubblico ministero di Bergamo ha quindi aperto un fascicolo per omicidio sulla morte del bimbo, visto che sul suo corpo vi sarebbero segni di tagli e altre ferite che sono risultati di tipo irregolare: per questo si ipotizza che possano essere state inferte da un'arma forse improvvisata.
DA RICOSTRUIRE I MOVENTI DEL GESTO. Si tratta solo, per il momento, di ipotesi che potranno essere confermate soltanto l'autopsia. L'esame dovrà anche chiarire l'ora esatta della morte del bambino visto che il pastore che ha dato l'allarme aveva avvistato la tenda con la luce accesa già nella mattinata di giovedì 28 agosto trovandola ancora nelle stesse condizioni nel tardo pomeriggio, quando ha poi dato l'allarme.
Al momento l'ipotesi che sembra prevalere è che la donna abbia ucciso il bambino, utilizzando un'arma impropria, forse un oggetto contundente, e poi si sia uccisa. Gessica soffriva di depressione da qualche tempo ed era seguita anche dai Servizi sociali di Ponteranica, il paese di quasi settemila anime alle porte di Bergamo dove mamma e figlio vivevano dal 2009.
SITUAZIONE DI GESSICA PEGGIORATA NEGLI ULTIMI MESI. Nell'ultimo mese, ha raccontato il sindaco Alberto Nevola a Repubblica.it, la situazione era in parte «degenerata» tanto che i servizi sociali avevano fatto una segnalazione al tribunale dei minori ma «senza che fosse mai messo in discussione che avesse la capacità di accudire il figlio».
Il padre del bambino, Marco Lorenzi, titolare di un negozio di videogiochi a Bergamo, non era rimasto in buoni rapporti con l'ex compagna, con la quale non conviveva più da 9 anni, anche se pare mantenesse ancora sia lei sia il figlio.

Correlati

Potresti esserti perso