Luigi Ciotti 140831160712
ANTIMAFIA 31 Agosto Ago 2014 1605 31 agosto 2014

Mafia, Libera: don Ciotti risponde alla minacce di Riina

Il prete minacciato in carcere da Riina.

  • ...

Don Luigi Ciotti.

Totò Riina, intercettato nel carcere milanese di Opera, ha minacciato don Luigi Ciotti, prete in prima linea contro la mafia.
«Questo prete è una stampa e una figura che somiglia a padre Puglisi, putissimu pure ammazzarlo. Salvatore Riina, uscendo, è sempre un pericolo per lui... figlio di p...». Queste le parole usate dal capo di Cosa nostra nel corso di una conversazione in carcere con il boss pugliese Alberto Lorusso, riportate dal quotidiano la Repubblica. Il sacerdote, la cui scorta è stata rafforzata, ha replicato: «La lotta contro la mafia è fedeltà al Vangelo».
«DALLA PARTE DELLE VITTIME». «Per me l'impegno contro la mafia è da sempre un atto di fedeltà al Vangelo, alla sua denuncia delle ingiustizie, delle violenze, al suo stare dalla parte delle vittime, dei poveri, degli esclusi. Al suo richiamarci a una fame e sete di giustizia che va vissuta a partire da qui, da questo mondo», ha detto don Ciotti. Il prete ha anche affermato di non volersi paragonare a don Puglisi, il sacerdote di Brancaccio ucciso dalla mafia nel 1993: «Non mi paragono a lui, sono piccolo e fragile. Mi riconosco in una Chiesa che interferisce», andando contro la criminalità organizzata.
«MOLTO SIGNIFICATIVE» LE MINACCE CONTRO LIBERA. Le minacce giunte dal carcere contro Libera, ha scritto il parroco sul sito dell'associazione antimafia, sono «molto significative»: «non sono infatti rivolte solo a Luigi Ciotti, ma a tutte le persone che in vent'anni si sono impegnate per la giustizia e la dignità del nostro Paese. Cittadini a tempo pieno, non a intermittenza. Solo con un noi si combatte mafia». Le minacce di Riina «sono la prova che questo impegno è incisivo, graffiante, gli toglie la terra da sotto i piedi. Siamo al fianco dei familiari delle vittime, di chi attende giustizia e verità, ma anche di chi, caduto nelle reti criminali, vuole voltare pagina».

Correlati

Potresti esserti perso