Giulia Latorre Massimiliano 140301132235
CONDIZIONI DI SALUTE 1 Settembre Set 2014 1630 01 settembre 2014

La figlia del marò Latorre su Facebook: «Mi ha chiamata papà, sta meglio»

Giulia prima aveva attaccato tutti: «Italia schifo, popolo ignorante».

  • ...

Giulia Latorre, figlia del fuciliere Massimiliano, ha rassicurato tutti su Facebook sulle condizioni di salute di suo padre. «Mi ha chiamata papà poco fa, mi ha detto che sta meglio e che mi ama».

Prima però aveva dispensato insulti dal social network: «Sapete solo offendere i marò, sapete solo sputare sui vostri fratelli italiani e, nonostante un militare sta male, state lì ad offendere e chiamare assassino. I veri assassini e ignoranti siete voi che scrivete e pensate questo. SIETE UN POPOLO IGNORANTE!», ha scritto replicando ad alcuni utenti che hanno commentato le sue riflessioni sul malore del padre scrivendo che «i fucilieri hanno ucciso due pescatori innocenti».


«Allora», ha attaccato Giulia, «se succede qualcosa alle vostre famiglie o a voi, non correte dai carabinieri o dalla polizia, visto che ce l'avete a morte con l'Arma. Mi fate pena, persone senza cuore».
E ancora: «Ora capisco perché Dio si prende le persone buone, perché hanno cuore, e su vuole solo gente che sappia amare l'altro. Ora chiunque disprezza e offende mio padre, lo denuncio! Così la smettiamo!».
MOLTI LI DEFINISCONO «EROI». Sono stati molti i commenti che hanno appoggiato la posizione di Giulia e definito i fucilieri due «eroi».
Mentre sono stati pochi quelli che hanno detto «capisco la figlia, ma un assassino rimane sempre tale. I due marò che sono in India per aver ammazzato due innocenti pescatori, erano su un mercantile privato a difendere interessi privati con i nostri soldi».
E «se tuo padre non avesse sparato o avesse scelto di fare l'imbianchino, probabilmente ora non scriveresti questi post penosi!!».
Giulia aveva parlato anche di «italiani di merda», spiegando che «l'Italia fa schifo».

Poi ha 'aggiustato' il post, alleggerendo la parte con gli insulti.

Correlati

Potresti esserti perso