Uber Taxi Protesta 140611181241
SENTENZA 2 Settembre Set 2014 1424 02 settembre 2014

Germania, Uber bloccata dal tribunale

Decisione dopo le proteste dei tassisti.

  • ...

Berlino: decine di tassisti fermi in segno di protesta (11 giugno 2014).

La compagnia Uber, che permette di avere un autista a portata di smartphone, non può più operare in Germania: è quello che ha deciso il tribunale di Francoforte, con una disposizione provvisoria emanata con procedimento di urgenza. I trasgressori del veto potrebbero esser colpiti da multe fino a 250 mila euro o addirittura dall'arresto.
RICORSO DELL'AZIENDA. Immediata la reazione della compagnia americana, accusata di fare concorrenza sleale ai tassisti con un'app che agevola il reperimento di taxi. «Impugneremo la decisione per difendere i nostri diritti», è stata la replica stizzita.
L'annuncio del braccio di ferro con la giustizia alemanna è stata affidato a una nota ed è stato confermato dalla compagnia. «La Germania è uno dei mercati europei dove Uber sta crescendo più rapidamente. Continueremo a operare in Germania e ricorreremo contro la recente causa intentata da Taxi Deutschland a Francoforte. Crediamo che l'innovazione e la concorrenza portino vantaggi a tutti, utenti e driver. Uber continuerà a operare in Germania offrendo anche il servizio di ridesharing UberPop».
SENTENZA FAVOREVOLE. Uber si sente più forte dopo la sentenza del tribunale amministrativo arrivata pochi giorni addietro, che ha cancellato il divieto precedentemente stabilito dal ministero degli Affari economici della città. Francoforte, dove è stata sporta denuncia dalla Taxi Deutschland service gesellschaft, è assieme a Berlino una delle cinque città tedesche in cui la compagnia è presente con le sue auto, ma non è dato sapere quante siano, perché l'azienda non rilascia questa informazione. Il 15 si partì nella capitale, affiancando al servizio limousine quello noto come Uberpop, e cinque giorni dopo le auto di Uber hanno iniziato la conquista del mercato di Francoforte, Duesseldorf, Colonia e Amburgo.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso