Justin Harris 140905002242
PROCESSO 4 Settembre Set 2014 1550 04 settembre 2014

Lasciò il figlio morire in auto: incriminato per omicidio

Usa, rischia la pena di morte. Bimbo solo per 7 ore sotto il sole.

  • ...

Justin Harris con suo figlio Cooper.

Justin Harris, l'uomo che nel giugno del 2014 ad Atlanta lasciò il figlio di 22 mesi chiuso in auto per sette ore mentre lui era al lavoro, provocandone la morte, è stato formalmente incriminato per omicidio.
Harris, 33 anni, rischia la pena capitale.
CRUDELTÀ SU MINORE. I capi di imputazione sono otto e vanno dall'omicidio volontario a crudeltà nei confronti di un minore.
Il piccolo Cooper è morto il 18 giugno dopo essere rimasto chiuso in auto per sette ore, sotto il sole cocente, in un parcheggio di 'Home Depot' dove il padre lavorava.
«LO FECE VOLONTARIAMENTE». In base alle accuse, Harris lasciò il figlio sul seggiolino del suv «volontariamente, infliggendogli dolore fisico».
Harris, che si è dichiarato non colpevole, sostenendo che si è trattato di un incidente e che dimenticò di portare Cooper all'asilo nido.
Secondo il pubblico ministero, l'imputato doveva sapere che dentro l'auto c'era il figlio perché quel giorno lasciò una busta nel Suv.
SMS SESSUALI A SEI DONNE. Dalle indagini è poi emerso che l'uomo voleva una vita senza figli e che, mentre il figlioletto era nell'auto, mandò messaggini a sfondo sessuale a sei donne contemporaneamente.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso