Isis 140826224012
COLPO AL TERRORISMO 5 Settembre Set 2014 1000 05 settembre 2014

Isis, reclutatore jihadista arrestato in Bosnia

Seguiva centri islamici in Italia. Con lui fermate altre 15 persone.

  • ...

È stato arrestato in Bosnia dalla polizia locale Bilal Bosnic, 41 anni, uno dei predicatori islamici indagati dal Ros di Padova e dalla procura di Venezia per reclutamento di combattenti jihadisti.
L'uomo, fermato nella sua casa a Buzim, è sospettato di aver reclutato, tra gli altri, Ismar Mesinovic il bosniaco residente a Ponte nelle Alpi in provincia di Belluno morto nel corso di una sparatoria in Siria in gennaio.
BOSNIC IN MANETTE. Bosnic, come indicano quotidiani locali, è un predicatore wahabita ed è accusato di proselitismo e reclutamento di connazionali.
Secondo le ricostruzioni degli investigatori avrebbe frequentato molti centri islamici del Nord Italia da Pordenone a Bergamo, a Cremona.
OPERAZIONE «DAMASCO». Assieme a lui sono state arrestate altre 15 persone nel corso dell'operazione «Damasco» condotta da 200 agenti a Sarajevo, Kiseljak, Zenica, Maglaj, Srebrenika, Zvornik, Buzim e Teslic, in particolare nei villaggi di Gornja Maoca e Bocinja, noti per le locali comunità di wahabiti; sono state fatte anche numerose perquisizioni e ritrovate ingenti quantità di armi.
SOSTEGNO ALL'ISIS. Husein Bilal Bosnic, ultimamente in alcune moschee della Bosnia aveva predicato a favore dell'Isis invitando i giovani alla jihad. Fra gli arrestati figura anche Hamdo Fojnica, padre di Emrah, sospettato di essere complice di Mevlid Jasarevic, autore di un attacco armato all'ambasciata Usa di Sarajevo tre anni fa. Emrah è poi morto in Siria in un attentato suicida.
Secondo stime non ufficiali, fino a 150 persone sono partite dalla Bosnia alla volta dell'Iraq e Siria, unendosi soprattutto al Fronte al Nustra, legato ad al Qaeda. Una ventina ha perso la vita e negli ultimi mesi il numero delle partenze si è molto ridotto.

Correlati

Potresti esserti perso