MALTEMPO 6 Settembre Set 2014 1311 06 settembre 2014

Foggia, Peschici: morti e dispersi sul Gargano

Un morto e un disperso. Zona colpita dalla pioggia da sei giorni. Evacuati due campeggi.

  • ...

Un morto e un disperso sul Gargano in seguito al maltempo che si sta abbattendo da sei giorni in provincia di Foggia.
La vittima, secondo il Comandante regionale del Corpo forestale della Puglia Giuseppe Silletti, è Antonio Facenna, allevatore 24enne di Vico del Gargano, di cui non si avevano più notizie dalla sera di mercoledì 3 settembre. La Prefettura di Foggia ha confermato il ritrovamento del suo cadavere.
Il disperso è invece Vincenzo Blenx, 70enne di Vico del Gargano ma residente a Peschici, di cui si sono perse le tracce dalla sera di venerdì 5 settembre. La notizia del ritrovamento del corpo di Blenx, inizialmente diffusa dalle agenzie di stampa, è stata smentita a Lettera43.it dalla stessa Prefettura. Le ricerche sono tuttora in corso (foto).
CORPO RITROVATO IN UN CANALE. Facenna era uscito da casa per verificare la situazione della sua masseria e del bestiame che vi era custodito, nelle campagne di Carpino flagellate dal nubifragio. La sua Renault Clio, sommersa da acqua e fango in un canalone di scolo in località Coppa Rossa, nei pressi del lago di Varano, era stata ritrovata venerdì 5 settembre: il cadavere giaceva proprio sotto la vettura.

  • Peschici sommersa dall'acqua.

EVACUATI DUE CAMPEGGI. Le operazioni di soccorso da parte delle forze dell'ordine hanno consentito di mettere in salvo i villeggianti di due campeggi e alcuni alberghi di Peschici, comune particolarmente interessato dagli allagamenti e parzialmente isolato per la non percorribilità di numerose strade d'accesso. La Prefettura ha invitato i sindaci delle zone più colpite ad avvisare i cittadini di non uscire da casa e di non avventurarsi in auto sulle strade interpoderali. A Peschici, oltre ai mezzi di terra dei Vigili del fuoco, dei carabinieri e della Protezione civile, ci sono anche mezzi anfibi della Capitaneria di porto e sommozzatori. Due elicotteri, uno dei vigili del fuoco e l'altro della Protezione civile, non possono alzarsi in volo per le condizioni atmosferiche proibitive.

  • Il campeggio Bellariva di Peschici colpito dal nubifragio.

IN MENO DI SETTE GIORNI LA PIOGGIA DI UN ANNO. Sul Gargano da lunedì 1 settembre sono caduti «fino ad oltre 500 mm di pioggia: si tratta di accumuli notevoli, in meno di una settimana si è quasi raggiunta la media pluviometrica di un anno», ha affermato in una nota il meteorologo Edoardo Ferrara.
TRE PERSONE SALVATE DALLA FORESTALE. Venti pattuglie Del Corpo forestale dello Stato sono impegnate nel Foggiano nelle attività di soccorso. A Carpino, in località Correntino, gli agenti hanno messo in salvo tre persone che erano rimaste isolate.
Nel camping Selva dei Pini di Vieste, gli uomini del Corpo forestale hanno poi soccorso dei villeggianti in difficoltà all'interno del campeggio, invaso dal fango.



CIRCA 5 MILA UTENZE SENZA CORRENTE. Le utenze non raggiunte dalla corrente elettrica sul Gargano, a causa dell'ondata di maltempo che ha colpito la zona, secondo la Forestale sono circa 5 mila. Mentre è in corso l'evacuazione di alcuni centri abitati tra i comuni di San Marco in Lamis e di San Giovanni Rotondo. Sulla strada Garganica all'altezza del bivio Ischitella, interrotta a causa a causa di un allagament, alcune vetture e un pullmino sono rimaste bloccate e gli occupanti si sono rifugiati sul tetto degli automezzi: anche in questo caso la Forestale è intervenuta per salvarli.
PROTEZIONE CIVILE: «SITUAZIONE CRITICA». La Protezione civile ha fatto sapere che i comuni più colpiti dai danni provocati dal nubifragio sono Rodi Garganico, Peschici, Vico del Gargano, San Marco in Lamis e San Giovanni Rotondo. La situaizone è stata definita «critica». Nelle prossime ore, tuttavia, è previsto «un netto miglioramento della situazione meteo». Mentre per la giornata di domenica 7 settembre sono attesi «fenomeni temporaleschi isolati, con cumulati di non particolare rilievo».
CAMPER E ROULOTTE IN MARE. Una decina di camper e roulotte risultano finite in mare nella zona di Peschici: la locale Capitaneria di porto è in azione per cercare eventuali persone rimaste intrappolate nei veicoli.
ARENILE DI PESCHICI INGHIOTTITO DALL'ACQUA. A Peschici, l'arenile dell'omonimo golfo si è ridotto a una trentina di metri. Il mare ha inghiottito la spiaggia, penetrando in alcuni punti per circa 60 metri. Spiagge sommerse anche a Vieste e altre note località balneari.
VENDOLA E GABRIELLI NELLA ZONA DEL DISASTRO. Il capo dipartimento della Protezione civile, Franco Gabrielli, e il presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, hanno annunciato una visita sul Gargano nelle zone colpite dal nubifragio, in programma per domenica 7 settembre. I turisti sfollati sono un migliao, di cui solo 40 ospitati nei centri d'accoglienza, gli altri hanno fatto ritorno a casa. Altre 40 persone circa sono sfollate a San Marco in Lamis, così come 15 famiglie a San Giovanni Rotondo.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso