Area Santiago Cile 140908232451
PAURA 8 Settembre Set 2014 2333 08 settembre 2014

Cile, attentato vicino alla metro di Santiago

Esplosione vicino alla metro: pista anarchica.

  • ...

L'area di Santiago del Cile colpita dall'attentato.

Un attentato esplosivo in un fast food vicino a una stazione della metropolitana ha scosso il centro di Santiago del Cile, provocando otto feriti - due dei quali gravi - e ingenti danni materiali. Il governo della socialista Michelle Bachelet ha detto che contro i responsabili dell'attacco, che la stampa locale ha attribuito a gruppi anarchici e che cade a pochi giorni dall'anniversario del golpe di Pinochet, sarà usato il pugno di ferro.
ZONA RESIDENZIALE E AFFOLLATA. L'esplosione è avvenuta intorno alle 13, ora locale (le 18 in Italia) nel centro commerciale che si trova vicino all'accesso della stazione Militar della metro della capitale cilena, nel quartiere Las Condes, una zona residenziale nell'Est della città, particolarmente affollata a quell'ora. Le televisioni locali hanno trasmesso immagini che mostrano le persone che si trovavano nel centro commerciale in preda al panico e colonne di fumo acre e opaco che hanno invaso i locali.
BORSA LANCIATA DA DUE GIOVANI. Testimoni hanno riferito di aver visto due giovanotti lasciare una borsa in un'area del fast food prima di darsi alla fuga a bordo di una macchina. Le autorità cilene non hanno confermato questi particolari, ma il portavoce del governo cileno, Alvaro Elizalde, ha dichiarato alla stampa che «effettivamente, quello che è stato perpetrato è un attentato terrorista, un fatto atroce, esecrabile e che merita essere punito con le punizioni più forti che preveda la nostra legislazione».
FERITI QUATTRO DONNE E QUATTRO UOMINI. I feriti sono quattro donne - una delle quali era addetta alle pulizie del centro commerciale e avrebbe perso alcune dita delle mani - e quattro uomini, fra i quali un cittadino venezuelano, che è stato ricoverato in gravi condizioni, con lesioni nella zona addominale. Bachelet ha riunito un gabinetto di crisi per analizzare la situazione, mentre la stampa cilena ha ipotizzato i possibili nessi dell'attentato con l'anniversario del golpe di Pinochet nel 1973 (giovedì 11 settmbre) e con una serie di attacchi esplosivi registrati alcune settimane fa in vari punti della capitale, messi a segno da gruppi anarchici locali che esigono la liberazione di due dei loro leader, Francisco Solar e Monica Caballero, detenuti in Spagna nel 2013. Sebbene la meccanica dell'attentato -un ordigno artigianale innescato su un estintore e rafforzato da elementi di metallo- sia simile a quella degli attacchi anarchici, finora non vi è stata nessuna rivendicazione

Correlati

Potresti esserti perso