Medico Ebola 140728132508
ALLARME 8 Settembre Set 2014 1709 08 settembre 2014

Ebola, l'Oms: «In Liberia presto migliaia di casi»

Impatto delle cure inadeguato nel Paese secondo l'organizzione.

  • ...

Un dottore di Medici senza frontiere.

Diverse migliaia di nuovi casi di ebola «sono attesi in Liberia nelle prossime tre settimane». A lanciare l'allarme è stata l'Organizzazione mondiale della sanità nel suo ultimo report, sottolineando la necessità che i Paesi partner si preparino a un «aumento esponenziale» dei casi di ebola nei Paesi dove è attualmente intensa la trasmissione del virus.
IMPATTO INADEGUATO. Gli interventi convenzionali per il controllo dell'epidemia di ebola, ha avvertito l'Oms, «non stanno avendo un impatto adeguato in Liberia, sebbene sembra si stiano dimostrando efficaci in altre aree dove la diffusione del virus è limitata, come Nigeria, Senegal e Congo». L'Oms ha affermato dunque la necessità di maggiori aiuti internazionali: «I Paesi che stanno attualmente supportando la risposta contro Ebola in Liberia e altrove» - ha avvertito l'Organizzazione mondiale della sanità - «devono prepararsi a intensificare i loro attuali sforzi di tre-quattro volte».
TAXI PIENI DI FAMIGLIE. Nella capitale Monrovia, ha sottolineato ancora l'Oms, «taxi stipati di intere famiglie, con membri che si pensano essere stati infettati dal virus Ebola, attraversano la città alla ricerca di un letto per il ricovero. Ma non ci sono posti liberi. Lo staff Oms in Liberia conferma che nessun letto libero per il ricovero e trattamento di Ebola è ormai disponibile nel Paese». Proprio tali mezzi e i taxi in particolare rappresentano dunque un «potenziale mezzo di trasmissione del virus». Un'altra necessità urgente, ha sottolineato l'Oms, è inoltre trovare un tetto ai tanti orfani a causa dell'epidemia. La Liberia registra attualmente il più alto numero di casi e decessi: ad oggi si registrano, infatti, circa 2 mila casi e oltre 1.000 morti.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso