APPRENSIONE 10 Settembre Set 2014 1830 10 settembre 2014

Roma, quattro carabinieri accoltellati

Quattro militari feriti a Roma.

  • ...

Quattro carabinieri sono stati accoltellati nel pomeriggio del 10 settembre a Roma da uno squilibrato che è stato arrestato. I militari feriti sono il tenente colonnello Claudio Rubertà (comandante del nucleo radiomobile di Roma), il maresciallo Pasquale Leone, il vice brigadiere Ciro Russo e il carabiniere scelto Natale Rutigliano della Stazione Roma Prati.
I carabinieri sono stati trasportati all'ospedale Santo Spirito: hanno ferite uno a un fianco, un altro a una gamba, un terzo a un braccio. Ma nessuno di loro è in pericolo di vita. Il fatto è avvenuto in piazza della Libertà al quartiere Prati.
ARMATO DI MARTELLO E COLTELLO. L'aggressore, Klaus Dieter Bogner, un clochard tedesco incensurato di 62 anni, era armato con un martello e un coltello. L'uomo aveva minacciato alcuni passanti e per questo era stato chiamato il 112. Prima ha preso di mira l'equipaggio di una pattuglia, poi i carabinieri che sono successivamente intervenuti sul posto.

  • Roma, piazza della Libertà: il luogo dell'agguato.

L'episodio ha generato attimi di terrore con persone che scappavano e urlavano.
Il ministro della Difesa, Roberta Pinotti si è detta «preoccupata per il ferimento dei carabinieri avvenuto poco fa a Roma e porto loro la mia solidarietà. Attenzione a non far montare un clima d'odio contro le Forze dell'ordine».
ALFANO: «SOLIDARIETÀ». Il ministro dell'interno Angelino Alfano ha telefonato al comandante generale dell'Arma Leonardo Gallitelli per esprimere solidarietà e auguri di pronta guarigione ai militari feriti. «L'Arma dei carabinieri, assieme alla polizia di Stato e alle altre forze dell'ordine», ha detto Alfano, «è un riferimento storico ed essenziale per le istituzioni e i suoi uomini e donne lavorano ogni giorno per il controllo quotidiano del territorio e per la sicurezza dei cittadini, con professionalità e spirito di abnegazione».
TESTIMONI: «COME IN UN FILM POLIZIESCO». I momenti di panico vissuti il 10 settembre sono impressi nei ricordi delle molte persone presenti nella piazza. «Era come in un film poliziesco: ho visto quell'uomo che scappava con il martello in mano e i carabinieri lo inseguivano, la gente gridava. Lo hanno bloccato proprio davanti alla vetrina del mio negozio», ha raccontato la dipendente di una farmacia di piazza della Libertà.
«Ho avuto molta paura, in strada c'era il panico», ha spiegato la donna, «ho sentito le grida e sono uscita fuori e ho visto i carabinieri che correvano dietro l'uomo che aveva in mano il martello e minacciava chiunque. La corsa si è arrestata proprio davanti al farmacia, i carabinieri erano feriti e ho visto molto sangue: così ho dato un primo soccorso portando disinfettante e garze per medicarli».

Correlati

Potresti esserti perso