Taxi Test Anti 140912174135
NUOVA PRATICA 12 Settembre Set 2014 1710 12 settembre 2014

Usa, test anti puzza per i tassisti a San Diego: è polemica

Il sindacato: pratica discriminatoria.

  • ...

Il test anti puzza per i tassisti di San Diego ha creato polemica. Secondo il sindacato si perpetua lo stereotipo che i guidatori di origine straniera puzzano.

Assicurazione in regola, freni e tergicristalli funzionanti, gomme a posto e soprattutto vietato emanare un cattivo odore.
Sono le caratteristiche che devono avere i tassisti per essere in regola secondo l'aeroporto di San Diego, in California.
Oltre a giudicare la performance della vettura infatti si passa sotto esame l'odore che emana l'autista.
Chiunque non superi il test anti-puzza deve andarsi a cambiare prima di far salire un altro passeggero.
La polemica si è subito accesa, perché secondo i lavoratori della categoria i criteri di valutazione dei tassisti sono discriminatori.
STEREOTIPO SUGLI STRANIERI? Per il sindacato dei tassisti non si fa altro che perpetuare lo stereotipo che i tassisti di origine straniera puzzano.
Secondo l'ultima indagine dell' Università di San Diego, su 331 autisti, il 94% sono immigrati e il 65% proviene dall'Africa orientale.
Una portavoce dell'aeroporto si è giustificata dicendo che si tratta di una pratica utile a fare una buona impressione ai visitatori, che hanno il primo impatto con la città attraverso i tassisti. «Solo tre autisti», ha specificato l'addetta stampa, «non hanno superato il test annuale».

Articoli Correlati

Potresti esserti perso