Danielle Watts 140915115631
RAZZISMO 15 Settembre Set 2014 1138 15 settembre 2014

L'attrice di 'Django' Daniele Watts scambiata per una prostituta e arrestata

Fermata a Los Angeles col fidanzato bianco. La polizia indaga sugli agenti.

  • ...

Una star nera in manette per colpa di un malinteso. E a Los Angeles rischia di scoppiare un nuovo caso di razzismo e violazione dei diritti umani.
Danièle Watts, l'attrice afro-americana che ha recitato nel film di Quentin Tarantino Django Unchained, è stata fermata - e poco dopo rilasciata - dalla polizia, che l'avrebbe scambiata per una prostituta.
La polizia ha annunciato di aver avviato un'indagine sulla condotta degli agenti. Una decisione presa per tentare di placare le polemiche.
«ATTI INDECENTI». Ma com'è andata la vicenda? Il Dipartimento di polizia di Los Angeles (Lapd) ha spiegato in una dichiarazione diffusa il 14 settembre sul suo sito web che aveva «risposto alla chiamata» di una persona che denunciava «atteggiamenti indecenti» da parte di «un uomo e una donna all'interno di una Mercedes con la portiera aperta».
Gli agenti di polizia intervenuti sul posto hanno individuato «due soggetti che rispondevano alla descrizione dei sospetti, che sono stati posti in stato di arresto per breve tempo. Ulteriori indagini hanno dimostrato che nessun reato era stato commesso. La signora Watts e il suo compagno quindi sono stati rilasciati», ha concluso conclude la polizia.
«ERO COMPLETAMENTE VESTITA». In un messaggio sulla sua pagina Facebook l'attrice ha raccontato: «Sono stata ammanettata e arrestata da due agenti di polizia di Studio City», un quartiere borghese a Nord di Los Angeles, «dopo aver rifiutato di ammettere di aver fatto qualcosa di sbagliato nel manifestare affetto, completamente vestita e in un luogo pubblico».

Articoli Correlati

Potresti esserti perso