Expo 131204171224
GRANDI OPERE 17 Settembre Set 2014 1153 17 settembre 2014

Expo: indagato anche il commissario Acerbo

Delegato alle vie d'acqua. Sotto inchiesta per corruzione e turbativa d'asta.

  • ...

Cantieri dell'Expo 2015 a Milano.

Un'altra tegola è caduta sull'Expo di Milano. La guardia di finanza del capoluogo lombardo, nell'ambito dell'inchiesta dei pubblici ministeri Claudio Gittardi e Antonio D'Alessio, ha effettuato perquisizioni a carico di Antonio Acerbo, commissario delegato di Expo 2015 in relazione al progetto 'Vie d' acqua'. Le ipotesi di reato al vaglio degli inquirenti sono corruzione e turbativa d'asta. Altre perquisizioni a carico di persone ritenute «strumenti» e intermediari della presunta corruzione sono in corso.
REATI CONTESTATI FINO AL LUGLIO 2013. Le fiamme gialle, ha spiegato un comunicato stampa del procuratore della Repubblica di Milano Edmondo Bruti Liberati, hanno effettuato «perquisizioni nei luoghi in disponibilità dell'indagato Acerbo Antonio, nato a L'Aquila il 22 aprile 1949, cui è stata contestualmente notificata informazione di garanzia per i reati» di turbativa d'asta e corruzione, entrambi commessi a Milano «fino al 10 luglio 2013». Acerbo è commissario delegato di Expo per le opere infrastrutturali (oltre che responsabile unico per il procedimento di Padiglione Italia) e l'inchiesta, come è scritto sempre nella nota, è relativa al progetto delle contestate vie d'acqua. I magistrati hanno ordinato «l'esibizione degli atti e dei documenti» relativi al progetto in questione «presso Expo Spa e Metropolitana Milanese Spa».
TRANCHE DELL'INCHIESTA SULLA CUPOLA. L'indagine è una tranche dell'inchiesta che a maggio 2014 ha portato agli arresti, tra gli altri, Gianstefano Frigerio, Luigi Grillo e Primo Greganti per una serie di presunte irregolarità negli appalti di Expo, Sogim e della sanità lombarda e che avrebbe accertato la presenza della cosiddetta «cupola degli appalti».
CANTONE: ACERBO IN PADIGLIONE ITALIA È PROBLEMA. Il presidente Anticorruzione, Raffaele Cantone, ha detto che il ruolo di Antonio Acerbo in Padiglione Italia «può essere un problema. Negli ultimi incontri con Diana Bracco il rappresentante tecnico per Padiglione Italia è sempre stato l'ingegner Acerbo e questo può essere un problema. Domani (18 settembre, ndr) vedrò la Bracco a Milano».

Articoli Correlati

Potresti esserti perso